mercoledì, Giugno 19, 2024

Aggressioni ai danni della polizia penitenziaria, la Sicilia in testa alla graduatoria nazionale

carcere

La Sicilia guida la drammatica classifica delle aggressioni di detenuti nei confronti di appartenenti alla Polizia penitenziaria. Sono state 161. Lo ha comunicato Gennarino De Fazio, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria.

In Italia nei primi 4 mesi dell’anno sono state ben 1.187, mentre addirittura sono 3.349 gli episodi di resistenza e ingiuria a pubblico ufficiale. Numeri allarmanti e senza precedenti quelli appena comunicati dall’Ufficio Attività Ispettiva e di Controllo del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, che certificano lo stato di degrado, di violenza e di difficoltà di gestione delle carceri.

“Peraltro, la Polizia penitenziaria è stretta fra l’incudine della violenza dei detenuti e il martello delle inchieste della magistratura, considerato che pressoché a ogni intervento necessario per ristabilire un minimo di ordine e sicurezza partono le denunce degli stessi autori dei disordini, molto spesso, nel solo tentativo di precostituirsi un alibi.”

Se poi si considerano anche 34 suicidi fra i detenuti e 4 nella Polizia penitenziaria, omicidi, stupri, violenze e traffici illeciti di ogni genere, il paragone delle odierne prigioni a teatri di guerra non sembra affatto esagerato.

“Allora è di tutta evidenza che una situazione emergenziale, anche per il sovraffollamento detentivo, sono 14mila i detenuti in più, e l’insufficienza di operatori, al Corpo di polizia penitenziaria mancano 18mila unità, non possa essere efficacemente affrontata con misure e strumenti ordinari”.

Facebook
Twitter
WhatsApp