mercoledì, Giugno 19, 2024

Esclusione dell’elenco dei comuni turistici: protestano Mistretta, Galati Mamertino e Floresta

tris sindaci

Protesta dei sindaci di  Mistretta, Galati Mamertino e Floresta che risultano essere tra le “escluse eccellenti” dall’elenco, stilato sulla base di alcuni indici ISTAT riferiti al’ anno 2019, dei comuni siciliani a vocazione turistica. I primi cittadini Sebastiano Sanzarello, Vincenzo Amadore e Antonio Stroscio non hanno accettato questa classificazione e non hanno sicuramente digerito la notizia che penalizza centri ricchi di storia, cultura e beni artistici e culturali. I tre amministratori hanno già inviato alcune note attraverso le quali chiedono lumi e spiegazioni all’ Assessorato Regionale del Turismo dello Sport e dello Spettacolo.

“Non si comprende – affermano congiuntamente i Sindaci – sulla base di quali strani automatismi siano stati esclusi alcuni Comuni del nostro comprensorio (come anche importanti comuni della fascia tirrenica). Meccanismi statistici e parametri ISTAT? O forse le immense ricchezze artistiche, storiche, culturali e naturalistiche dei nostri comuni non sono ritenute sufficienti per rientrare in questa classifica rispetto a Comuni che, con tutto il rispetto e senza voler fare antipatici paragoni, hanno qualcosina in meno (Mistretta è arrivato addirittura al secondo posto al concorso tra i comuni più belli di Sicilia, oltre a ricordare le numerose presenze di turisti che si riversano alla Cascata del Catafurco a Galati Mamertino o all’evento Ottobrando di Floresta).” affermano i tre primi cittadini.

A stupirci maggiormente 𝐧𝐨𝐧 𝐞̀ 𝐥𝐚 𝐩𝐫𝐞𝐬𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐝𝐢 𝐚𝐥𝐜𝐮𝐧𝐢 𝐜𝐨𝐦𝐮𝐧𝐢, ma 𝐩𝐢𝐮𝐭𝐭𝐨𝐬𝐭𝐨 𝐥’𝐚𝐬𝐬𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐝𝐢 𝐚𝐥𝐭𝐫𝐢! Questa classificazione, per quanto irrilevante, può creare però una disparità e presta il fianco a sterili speculazioni politiche; magari per qualche bando pubblico inerente la valorizzazione del patrimonio storico e artistico, essere classificato “Comune Turistico” consente di partecipare e concorrere per l’utilizzo di importanti fondi?!

Per tali motivi abbiamo sollecitato l’ Assessore Regionale Elvira Amata affinchè intervenga in tempi rapidi per trovare una soluzione e poter restituire degnità ai comuni che meritano di essere classificati come turistici, a prescindere dall’Istat.”

Questa stortura va immediatamente corretta e anche l’Assessorato Regionale al Turismo e la Deputazione Regionale sono stati investiti per mobilitarsi in tal senso– per evidenziare il paradosso creato da questo meccanismo e trovare al più presto una soluzione di buon senso oltre che di oggettiva e obiettiva giustezza.

“ In questa direzione – continuano i Sindaci – l’impegno dell’ Assessore Amata che ha formalmente richiesto all’ Istituto Nazionale di Statistica (che ha elaborato la classifica) di conoscere le motivazioni della mancata inclusione di alcuni comuni, troverà il nostro massimo sostegno”. 

Una battaglia comune quindi quella di Sanzarello, Amadore e Stroscio che hanno tutta l’intenzione di difendere i diritti delle loro comunità.

Facebook
Twitter
WhatsApp