blank
Tribunale di Messina

Patti: maltrattamenti, lesioni e stalking, confermata condanna in appello a 4 anni di reclusione

La Corte di Appello di Messina ha confermato il 14 luglio scorso la condanna a quattro anni di reclusione, già inflitta dal giudice monocratico del tribunale di Patti Eleonora Vona, ad un avvocato di Patti per maltrattamenti ai danni della moglie e dei figli e lesioni e stalking posti in essere nei confronti della donna.

Nei riguardi del professionista è tutt’ora vigente la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla ex consorte.

L’avvocato, per ulteriore ipotesi di stalking, era stato anche raggiunto da ordinanza di custodia cautelare in carcere per avere, tra l’altro, interpellato un soggetto per uccidere la moglie. Il Tribunale di Patti, per questi fatti, aveva emesso sentenza di assoluzione, perchè il fatto non costituisce reato; la sentenza fu appellata dalla procura della repubblica di Patti e poi fu confermata dalla Corte di Appello di Messina lo scorso 12 luglio. La donna si è costituita parte civile in entrambi i giudizi con l’avvocato Fabio Di Santo, mentre l’uomo è stato difeso dagli avvocati Giacomo Prinzi e Nino Favazzo.

Gli avvocati della difesa, riguardo alla conferma della condanna in secondo grado, attendono di leggere le motivazioni per presentare ricorso in Cassazione; vogliono comprendere il perché del mancato accoglimento dei motivi di appello, motivi che sicuramente verranno riproposti alla Suprema Corte.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank