Nello Musumeci

Covid – Numeri in aumento, la Sicilia rischia di diventare “Zona Rossa” da lunedì

La Sicilia vede rosso. Venerdì ci sarà la decisione ufficiale da parte del Governo centrale, ma i numeri in crescita nell’ultima settimana, riguardanti nuovi contagi e ricoveri ospedalieri, sembrano portare l’isola in zona rossa.

Nonostante Palermo sia off limits dallo scorso 7 aprile, i contagi nella provincia sono aumentati vertiginosamente, superando i 500 al giorno. Nelle altre province la situazione non appare florida e al momento la Sicilia conta ben 110 comuni zona rossa, comprendendo tutti quelli della provincia di Palermo fino al 22 aprile.

È di ieri la notizia di 4 nuove chiusure e la proroga per altri 8 comuni.

Le nuove restrizioni – in vigore da venerdì 16 a mercoledì 28 aprile – riguardano: Catenanuova e Cerami, in provincia di Enna; Mussomeli, nel Nisseno; Sant’Alfio, in provincia di Catania.

Le proroghe – valide da domani fino a giovedì 22 aprile – sono state invece adottate per: Caltanissetta; Biancavilla, in provincia di Catania; Centuripe, Pietraperzia e Regalbuto, nell’Ennese; Francavilla di Sicilia, in provincia di Messina; Lampedusa e Linosa, nell’Agrigentino; Mazzarino, nel Nisseno.

Si resta dunque in attesa di conoscere nella giornata di domani i colori delle regioni che potrebbero portare la Sicilia da arancione a rosso. A preoccupare è soprattutto il vertiginoso aumento nei ricoveri ospedalieri, in totale controtendenza con il resto d’Italia. Il provvedimento, che scatterebbe lunedì, porterebbe l’isola in lockdown per due settimane.

(sc_adv_out = window.sc_adv_out || []).push({ id: 486803, domain: "n.ads5-adnow.com", });
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank
blank