Lipari: minacciava di suicidarsi ed è stata bloccata dai carabinieri

Carabinieri presso Ospedale Lipari

Nella giornata di ieri i carabinieri della compagnia di Milazzo hanno tratto in salvo una donna di Lipari, che aveva minacciato di suicidarsi.

A seguito della richiesta di intervento ricevuta da parte di personale sanitario, i carabinieri della Stazione di Lipari sono intervenuti in un’abitazione dell’isola dove poco prima una donna, in evidente stato di agitazione, alla vista dei sanitari che dovevano visitarla, si era barricata, da sola, all’interno della casa, brandendo due coltelli da cucina e minacciando di suicidarsi.

E scattato pertanto il piano operativo previsto per fronteggiare tali eventi e sull’isola è stato inviato, con la Motovedetta “CC814 Monteleone”, personale delle squadre di supporto operativo del 12° Reggimento Carabinieri Sicilia, specializzato nel fronteggiare le situazioni di crisi ad alto rischio e pronto ad intervenire a supporto dei carabinieri della locale Stazione nel caso in cui la situazione si fosse aggravata. Sul luogo un carabiniere “negoziatore” del Comando Provinciale di Messina, esperto nelle trattative, ha avviato una lunga opera di mediazione con la donna al fine di indurla a desistere dal suo intento ed evitare che attuasse gesti inconsulti.

Appurato che la donna appariva determinata a compiere atti autolesionistici, il “negoziatore”, nel corso della trattativa, è riuscito a convincerla ad uscire dell’abitazione ed i carabinieri, approfittando di un suo momento di distrazione, l’hanno bloccata e disarmata, impedendole di farsi del male. La donna è stata successivamente accompagnata presso il pronto soccorso dell’Ospedale di Lipari, ove ha ricevuto le prime cure ed è stata sottoposta agli opportuni trattamenti sanitari.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp