Furnari, bando per 23 immobili sequestrati alla criminalità organizzata

2618

E’ stata bandita la selezione pubblica per l’assegnazione di ventitre beni immobili sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, localizzati all’interno del complesso turistico Portorosa. Sono stati attribuiti al comune di Furnari nell’ottobre del 2015 da parte dell’agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata; nel totale si tratta di trentuno appartamenti, due aree urbane e cinquantasette posti auto. Di questi, ventinove, presenti nel lotto 7 di Portorosa sono stati consegnati al comune.

Nel 2018 il consiglio comunale ha approvato il regolamento per la destinazione e l’utilizzo di questi beni. Adesso è stato pubblicato il bando, per l’assegnazione a titolo gratuito per un periodo da stabilirsi a seconda della proposta progettuale, ma comunque per una durata non inferiore ai cinque anni. Per investimenti fino a 30 mila euro, la durata della concessione sarà di cinque anni. Per investimenti superiori, si riconoscerà un anno in più ogni sei mila euro per un periodo massimo di concessione di dieci anni. Altri tre immobili confiscati e localizzati anch’essi a “Portorosa”, sono stati destinati alla “Legambiente del Longano aps”. Grazie a questi locali, come si evince dal progetto dell’associazione ambientalista, si potrà gestire lo spazio del parco urbano “Salvatore Quasimodo” in cui lo scorso anno è stato organizzato un campo di volontariato ambientale finalizzato alla rigenerazione urbana. Nel contempo è stata comunicata l’esigenza di disporre di immobili da assegnare in comodato d’uso agli agenti della polizia municipale provenienti da altri comuni, che dovessero venire in supporto alla polizia municipale di Furnari.