Capo d'Orlando, il 24 maggio convegno sui reati ambientali

431

Si parlerà di tutela del territorio e della salute pubblica dopo l’introduzione nel codice penale dei “reati ambientali”, venerdì 24 maggio, a partire dalle 15, presso la Pinacoteca di Capo d’Orlando.

Ad organizzare il seminario “Legambiente Nebrodi – Circolo Tiziano Granata”, con la collaborazione del Comune di Capo d’Orlando, del Parco dei Nebrodi, dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Messina, del CESF, dell’Ordine degli Avvocati di Patti e del Collegio Provinciale dei Geometri di Messina.
Grazie al contributo di autorevoli esperti, tra i quali Luca Ramacci, magistrato di Cassazione e fondatore del sito LexAmbiente, e Rosanna Casabona, sostituto procuratore della Repubblica presso in Tribunale di Messina, si analizzeranno le nuove norme che consentono di perseguire con maggiore efficacia i responsabili dei fenomeni di inquinamento del mare, del suolo e della natura, atti che danneggiano gravemente l’ambiente e la salute dei cittadini impedendo un sano sviluppo economico, legato alla fruizione delle spiagge. A tal proposito, basti pensare all’annoso problema della insufficiente depurazione delle acque reflue urbane, che costa a tutti i cittadini sia in termini di sanzioni comunitarie, sia di mancato sviluppo dell’economia turistica.
Il Convegno fornirà informazioni utili sulla portata della nuova normativa a tutti i partecipanti, ed in particolare agli amministratori ed ai tecnici comunali cui sono devoluti la gestione ed il controllo del territorio.