Si è chiusa "Nude Experience", la mostra di successo dell'orlandina Viviana Franchina

617

È stata un successo la mostra fotografica “Nude Experience”, ideata e curata dalla designer orlandina, trapiantata a Milano, Viviana Franchina.

La mostra, nata dall’idea di mettere in primissimo piano la figura femminile nei suoi molti aspetti e peculiarità, è stata inaugurata l’11 aprile, durante la settimana del salone del Mobile, ed è rimasta fruibile fino a mercoledì 1 maggio alla Portineria14 di Via Ettore Troilo 14 a Milano (zona Navigli).

Viviana Franchina, architetto, urbanista e interior designer, da 10 anni vive a Milano, dove ha completato i suoi studi e ha scelto di vivere. Lavora nei Musei Civici di Milano come addetto museo, anche se si sta ormai ritagliando uno spazio di tutto rispetto nel campo dell’organizzazione di eventi artistici e culturali. Già nel 2014 a Capo d’Orlando ha curato il suoprimo evento come Project Event Manager e Art Curator nel campo della Street Art con l’evento “Make Your Mark 2014”, mentre in occasione del Salone del Mobile 2016 a Milano, Viviana ha svolto il ruolo di Event Manager dell’evento “Corridoio d’Arte Creativo”, occupandosi dell’organizzazione di una mostra di illustratori e fotografi del panorama milanese.
L’obiettivo di Viviana Franchina è di portare la mostra “Nude Experience”, che ha avuto un ottimo riscontro dalla piazza milanese, in altre città italiane per far conoscere l’arte della fotografia.
Il fine della mostra “Nude Experience” è di mostrare la femminilità dei particolari che caratterizzano i corpi nudi, fieri al di là di ogni imbarazzo, che presentano una donna senza tempo e in cui qualsiasi donna si può rispecchiare e rivedere.
Quattro le tematiche, che spaziano dal rapporto con la terra al valore che il corpo femminile assume, affrontate da 4 giovani fotografe, ognuna con 4 fotografie. Un’altra orlandina, Elisa Trusso, affronta il tema de “La bellezza della natura”, Camilla Cattabriga ha partecipato con il suo progetto “Il corpo nudo e la luce”, Marialuisa Rea ha presentato “Nuda bellezza”, e Noemi Alessandra “Qui, altrove”.
Una lettura intima, particolare, dalle donne per il mondo intero.