Arrestato scippatore seriale di vecchiette, un colpo anche a Spadafora

614

E’ stato arrestato sabato scorso Piero De Vita, messinese, 31 anni, sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari con applicazione di braccialetto elettronico.

Sceglieva con cura le sue vittime: tutte donne anziane, che sorprendeva alle spalle e a cui scippava la borsa per poi liberarsene dopo aver arraffato denaro contante e carte di credito.
Solitamente pochi spiccioli il bottino dei colpi, per i quali era disposto a tutto, perfino a provocare traumi alle malcapitate sulle quali si scagliava con violenza e senza scrupoli.
Dopo ogni colpo le borsette sono state ritrovate abbandonate in strada, con ancora dentro le foto delle persone care, immaginette sacre, le agendine con i numeri telefonici.
Dalle carte di credito il malvivente non è riuscito a cavare un euro o perché necessario il codice di accesso o per mancanza di denaro sul conto.
A dare un’identità allo scippatore ci hanno pensato i poliziotti delle Volanti della Questura di Messina e i carabinieri della Stazione di Spadafora, dove è stato messo a segno uno dei colpi.
Le indagini interforze, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Messina, hanno permesso di ricostruire il modus operandi dell’uomo e ogni singolo episodio delittuoso realizzato.
Fondamentali i riscontri effettuati dalla Polizia di Stato e dall’Arma dei Carabinieri sulle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza delle zone teatro dei reati consumati e sui tabulati telefonici; preziose le testimonianze di chi ha notato l’uomo scappare o frugare in una borsetta da donna.