giovedì, Maggio 23, 2024

Il siciliano Domenico Pellegrino alla Milano Design Week con “Iconic Women”

head
blank

Il siciliano Domenico Pellegrino alla Milano Design Week. L’artista ha realizzato  una mostra intitolata “Iconic Women”, dedicata al racconto di dieci icone femminili, che sarà presente a Milano dal 15 al 26 aprile 2024.

Domenico Pellegrino, nato a Mazzarino nel 1974, da tempo vive a Palermo, dove ha frequentato il Liceo Artistico e l’Accademia delle Belle Arti, che gli hanno permesso di dare voce alla sua creatività, diventando per molti il cosiddetto “artista della luce”.

Il  tempo trascorso ad osservare il padre pittore porta Domenico, già durante l’infanzia, a sviluppare una forte passione e curiosità verso l’arte.

Negli anni della costruzione della Fiumara d’Arte, da giovane studente si è ritrovato ad affiancare per due anni Antonio Presti, il mecenate messinese.
Ma è grazie alla collaborazione con diversi artisti contemporanei che Domenico inizia a misurarsi con varie tecniche espressive, spaziando dalla scultura alla pittura, fino alle istallazioni, portando sempre con sé un pezzetto di Sicilia.

Fra le opere che più hanno colpito la mente delle persone vi è sicuramente “I’m the Island”, realizzata nel 2019 su richiesta dei curatori della Biennale di Venezia.

blank

Si tratta di un’istallazione a forma di barca che si ispira al modello bengalese, particolarmente adatto a scivolare sul fango a causa delle frequenti inondazioni nel paese indiano.

Anche in quest’opera la Sicilia gioca un ruolo fondamentale, perché l’artista ha deciso di annodare all’imbarcazione un filo che la conduce nella Terra d’origine, rifacendosi a “I Malavoglia” di Giovanni Verga.

I’m the Island è stata acquistata dall’Assemblea Regionale Siciliana, diventando parte fondamentale della collezione d’arte esposta al  Palazzo Reale.

Ogni fase della sua vita è stata segnata da un continuo contatto con tutto il mondo dell’arte, spaziando dalle collaborazioni con grandi firme dell’alta moda fino a colossi cinematografici.

Articolo di Elisa Caruso

Facebook
Twitter
WhatsApp