mercoledì, Giugno 19, 2024

Comitato pendolari siciliani: “Fake news o errore di comunicazione? Nessuno sconto! Anzi aumento del 5% sui biglietti dei treni”

25 dicembrte 2023 Costo abbonamenti mensili e annuali sconto 5 per cento-2

“Fake news o errore di comunicazione? Nessuna riduzione costo dei biglietti per almeno quattro anni sul nuovo contratto di servizio per il trasporto ferroviario.”

Inizia così la lettera scritta dal comitato pendolare siciliano, dopo le parole dell’assessore ai trasporti Aricò, che aveva preannunciato invece una riduzione del costo dei biglietti per i siciliani che viaggiano in treno.

“I pendolari Siciliani ringraziano il governatore Schifani e l’assessore ai trasporti Aricò, per il doppio regalo di Natale.

Nel pacco regalo di Natale abbiamo trovato: un nuovo contratto di servizio da gennaio 2024 a dicembre 2033 del quale sconosciamo i contenuti e una riduzione dei costi dei biglietti del 5 per cento, al momento solo sulla nota stampa della Regione.

I pendolari che si appresteranno ad acquistare gli abbonamenti mensili e/o annuali o il singolo biglietto di trasporto dal primo gennaio non troveranno lo sconto del 5 per cento sbandierato nel comunicato stampa da entrambi gli esponenti del governo siciliano ma bensì un ulteriore aumento del 5 per cento su singoli biglietti e abbonamenti.

Al danno la beffa di un aumento del 10 per cento non dovuto già dal gennaio 2023.

E’ da quasi un anno che attendiamo risposta dall’assessore Aricò per comprendere che fine abbiano fatto i 3,6 milioni di euro stanziati con l’articolo 6, comma 5, della legge regionale n. 2/2023 che prevedeva, citiamo testualmente: “Al fine di sterilizzare l’aumento tariffario per il 2023 previsto dal contratto decennale tra la Regione Siciliana e Trenitalia Spa, è autorizzata, per l’esercizio finanziario 2023, la spesa di 3.600 migliaia di euro a valere sulle disponibilità della Missione 10, Programma 2, capitolo 273710 (Missione10, Programma 2)”.

Risposta che a tutt’oggi attendiamo senza aver visto un centesimo di rimborso se non quest’ultimo regalo di Natale.”

Facebook
Twitter
WhatsApp