giovedì, Luglio 18, 2024

Rubano tre scooter a Messina, arrestati due catanesi al termine di un pericoloso inseguimento

Polizia Notte Messina

Eseguito dai Poliziotti delle Volanti di Messina l’arresto in flagranza di reato di due presunti responsabili del furto di tre motocicli, perpetrato nel cuore della notte in città. Rapina impropria in concorso e resistenza a pubblico ufficiale sono i reati contestati al trentunenne ed al trentenne, entrambi catanesi, bloccati ed arrestati al termine di un pericoloso inseguimento in zona Gazzi.

A dare l’allarme il proprietario di uno dei tre motocicli che, vistosi portare via il mezzo sotto casa, non ha esitato a denunciare il furto in atto, indicando posizione e tipologia del mezzo, un furgone a bordo del quale i rei avevano caricato il motociclo e si stavano allontanando.

Immediato l’intervento dei Poliziotti impegnati nel controllo del territorio che hanno individuato e raggiunto il furgone intimando inutilmente l’ALT di POLIZIA: i due si sono lanciati in una folle corsa, probabilmente nel tentativo di arrivare in autostrada e dileguarsi. Nuovamente raggiunti, hanno provato a mandare fuori strada i Poliziotti sterzando ed impattando contro la Volante. Infine, hanno abbandonato il furgone in corsa fuggendo a piedi in un ultimo tentativo di sottrarsi all’arresto. Tentativo risultato vano, considerato che i Poliziotti delle Volanti sono riusciti ad ammanettarli e sottoporli ad immediato arresto.

A bordo del furgone, insieme allo scooter appena trafugato, gli Agenti inoltre ne rinvenivano altri due, anch’essi rubati nel corso della notte. I successivi accertamenti sul furgone hanno dimostrato che anche quel mezzo su cui viaggiavano era stato asportato il giorno prima a Paternò.

Si è pertanto proceduto a contattare immediatamente i legittimi proprietari dei rispettivi motocicli e del furgone, procedendo così alla riconsegna.

Rinvenuti e sequestrati a bordo del furgone anche gli strumenti utilizzati verosimilmente per forzare i mezzi asportati, tra cui cacciaviti, una pistola smonta gomme, una tronchesina ed alcune chiavi a bussola.

I due arrestati, altresì denunziati per i reati di ricettazione, possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli e danneggiamento ai beni dello Stato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati trasferiti presso la casa circondariale di Messina Gazzi in attesa di convalida del G.I.P..

Si precisa, in ogni caso, che il procedimento pende tuttora in fase di indagini preliminari, e che, in ossequio del principio di non colpevolezza, fino a sentenza definitiva di condanna sarà svolto ogni ulteriore accertamento che dovesse rendersi necessario, anche nell’interesse degli attuali indagati.

Facebook
Twitter
WhatsApp