martedì, Settembre 27, 2022

Fondachelli Fantina – Inaugurata la nuova chiesa di San Giuseppe

WhatsApp Image 2022-08-18 at 09.45.23

In questa settimana, dal timbro fortemente di festa, per la comunità di Fondachelli, in vista della festa di San Giuseppe, è stata inaugurata ieri la chiesa dedicata al santo nella frazione Evangelisti. E’ stata Consacrata dalla preziosa presenza di Mons. Cesare Di Pietro.

E’ stata una vera festa di popolo, attesa da tutto il paese, dopo anni di restaurazione. Grazie all’aiuto degli amministratori pubblici e delle ditte specializzate, la parrocchia, è divenuto il cuore pulsante di tutta comunità. Completati i lavori strutturali qualche mese fa, via via si è cercato di curare l’arredamento dell’aula liturgica. La chiesa oggi si mostra in tutto il suo splendore, insieme alle opere parrocchiali.

La storia della Chiesa di San Giuseppe

La Chiesa di San Giuseppe, ha origini antichissime, che risalgono alla fine del 1950. A seguito dell’alluvione del 1880 che si abbatte su Fondachelli, piovendo per 12 giorni e 12 notti consecutivi, distrugge la chiesa e le case attigue. Gli abitanti costruiscono abitazioni e chiesa a monte, al riparo della forza violenta invernale del torrente. Zelanti Fondachelloti costruiscono un nuova chiesa che viene officiata non da un parroco ma da procuratori Novaresi. Viene scolpita una statua lignea raffigurante l’Angelo Custode, il Santo Patrono.  In seguito vengono costruite altre statue (ancora custodite) in cartapesta: quella dell’Immacolata (1907), di San Giuseppe, di S. Antonio da Padova, dell’Addolorata e di S. Antonio Abbate (distrutta in un incendio nel 1975 e ricostruita in materiale ligneo). Il 15 maggio del 1924 la chiesa viene elevata a parrocchia.

Alla fine del 1950, la zona alta incomincia a spopolarsi, iniziano le costruzioni delle case lungo gli argini del torrente, così a Fondachelli, dietro autorizzazione della diocesi di Messina, si costruiscono due nuove chiese: una a valle nel quartiere “Chiesa” sulla piazza omonima, dedicata ai Santi Patroni (la chiesa attuale); l’altra nel quartiere “Evangelisti” dedicata a San Giuseppe. All’antica chiesa non si prestano più cure e crolla.

Angela Serena Lo Conti

Facebook
Twitter
WhatsApp