venerdì, Settembre 25, 2020
escort

Escort positiva al Coronavirus a Modica, il sindaco: “Fate i test a costo di farvi cacciare dalle mogli”

“Andate a fare i test, anche a costo di farvi mettere alla porta dalle mogli”. Così il sindaco di Modica Ignazio Abate, dopo la scoperta della escort peruviana risultata positiva al Covid-19 dopo aver trascorso 15 giorni nella cittadina del ragusano.

Il sindaco di Modica adesso teme un focolaio nella sua città e torna ad invitare i suoi concittadini ad effettuare il test. “Almeno 2 o 3 clienti al giorno per 10 giorni – dice il sindaco Abbate a Repubblica – si traducono in almeno 30 persone che possono aver contratto il virus e averne contagiate altre a casa o al bar”.

Ovviamente la posizione dei clienti della donna è molto scomoda. La prima alternativa, a discapito della privacy, è quella di confessare di essere stati clienti della escort e sottoporsi quindi al tampone. In questo caso, oltre a poter risultare positivi al test, vi è anche il problema di quello di dover spiegare ai propri familiari come si è contratto il virus.

La seconda alternativa, quella più temuta dal sindaco, è che si lasci passare il tutto in cavalleria, con il concreto rischio di diffondere il contagio.

Nel frattempo sono stati ricostruiti tutti i movimenti della donna, a cominciare dai mezzi di trasporto utilizzati per raggiungere l’Umbria. La donna avrebbe preso lo scorso 13 luglio l’autobus per Catania e quindi il treno per la regione umbra, dove poi ha accusato i primi sintomi del contagio da covid il 15 luglio, con febbre alta.

Nel tentativo di contenere i possibili danni, il sindaco di Modica ha chiesto alla polizia municipale di tenere d’occhio l’appartamento dove la donna riceveva i clienti, così da riuscire a intercettare eventuali altre escort che possano aver incontrato la collega e sottoporre anche loro ai test.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp