Operazione “Fuga di Gas”: sequestrate 15 mila bombole di gpl

2356

Ha interessato in qualche modo anche la provincia di Messina l’operazione “Fuga di gas”, portata a termine dai militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Gela, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela.

All’esito di un’indagine condotta per frode in commercio nella vendita di bombole gpl a Gela, hanno eseguito nei confronti di un’importante società ennese operante nel settore di imbottigliamento di gas liquidi il sequestro di oltre 15 mila bombole di gpl, pericolose per il rischio incidenti ed esplosioni e risultate riempite con quantitativi di prodotto inferiore al dichiarato. Le indagini, durate alcuni mesi ed eseguite anche con pedinamenti e appostamenti, hanno dato modo di ricostruire le condotte illecite realizzate dal rappresentante legale e da un socio dell’azienda un cinquantaseienne di Regalbuto e un sessantacinquenne di Leonforte, entrambi originari di Catania.

Le operazioni di polizia giudiziaria, avvenute con la collaborazione di personale del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, competenti in merito al rilascio delle autorizzazioni ai fini anti incendio e di sicurezza nello stoccaggio di materiale esplodente, hanno permesso di sequestrare 15.895 bombole, di varie capacità (da 25 a 7 chilogrammi), sia piene che vuote, contenenti GPL ed aventi una capacità complessiva di accumulo di 222.170 chilogrammi. Il prodotto sequestrato, risultato essere circa 30.000 chilogrammi, se immesso sul mercato avrebbe fruttato ricavi per un circa 600.000 euro.

I due indagati sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Gela, in concorso, per i reati di frode nell’esercizio del commercio, divieto di fabbricazione, detenzione, trasporto e vendita di prodotti esplodenti, condotte integrate nella commercializzazione all’ingrosso, in diverse province della Sicilia orientale (Caltanissetta, Ragusa, Enna e Messina) e presso operatori della Calabria e del Lazio, di bombole di gas GPL ed altro gas esplodente irregolari. In particolare, le bombole erano custodite nei luoghi di lavoro senza rispettare gli obblighi di sicurezza, sprovviste, in molti casi, delle previste periodiche revisioni e con i sigilli di garanzia con le relative “punzonature”, che riportano oltre le caratteristiche di sicurezza anche le date delle revisioni decennali previste, spezzate o asportate. In alcuni casi, in quarant’anni è risultata effettuata una sola revisione.

Inoltre, le risultanze investigative hanno permesso di appurare delle significative difformità anche in merito al contenuto quantitativo del prodotto esplodente venduto con le bombole, condotta accertata anche all’atto del sequestro, in quanto a seguito di apposita “pesatura” dei contenitori si è rilevato che la tara e il peso netto non corrispondevano a quanto indicato dal fabbricante in sede di riempimento.

Pertanto sono stati denunciati anche per sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa sugli oli minerali, per aver sottratto gpl o altro gas esplodente da alcune bombole, superando le soglie consentite nelle operazioni di riempimento e travaso dei combustibili. Il prodotto si presume venga rivenduto “in nero”, evadendo le imposte gravanti sulla vendita di tali prodotti. Tale ultimo aspetto sarà quindi oggetto di approfondimento da parte delle Fiamme Gialle gelesi, finalizzato a quantificare e sanzionare la società ennese delle relative imposte evase.