sabato, Ottobre 24, 2020

Perquisizioni e controlli antidroga della polizia a Sant’Agata e Santo Stefano

Proseguono i servizi specifici dedicati al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, come da direttive impartite dal Questore di Messina.

Il Commissariato di S.Agata Militello, insieme alle unità cinofile, ha effettuato quattro perquisizioni domiciliari nei confronti di persone sospettate di spacciare sostanza stupefacente.

Le perquisizioni, effettuate a Sant’Agata Militello e Santo Stefano di Camastra, hanno consentito di rinvenire e sequestrare, in un caso, dosi per uso personale di sostanza stupefacente e, nell’altro, strumenti idonei al taglio della droga, quali un bilancino, un grinder, taglierini e contenitori ancora con tracce di sostanza stupefacente.

Uno dei perquisiti è stato segnalato al Prefetto per uso personale ed un altro alla Procura della Repubblica per detenzione ai fini di spaccio.

I poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sant’Agata sono stati impegnati anche in attività di prevenzione, che ha visto protagonisti gli studenti degli istituti scolastici locali.

Gli incontri sono stati caratterizzati da momenti di confronto con i ragazzi, ai quali sono stati illustrati i rischi connessi all’assunzione di droga, oltre che le conseguenze giuridiche, amministrative e penali. Nel primo caso, ad esempio, il ritiro della patente e l’obbligo di presentarsi presso le commissioni mediche, ogni anno, per il rinnovo della stessa; nel secondo caso, l’integrazione del reato di guida in stato di alterazione psico-fisica a seguito di assunzione di sostanze stupefacenti.

Uno specifico riferimento è stato fatto all’aumento del numero delle vittime della strada a seguito di incidenti nelle “stragi del sabato sera”, in cui è stato accertato che il conducente fosse sotto l’effetto di sostanze alcoliche e stupefacenti.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp