Messina, riunione in Prefettura per un “Natale Sicuro”

98

Si è riunito nella mattina di mercoledì 11 dicembre in Prefettura a Messina il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

All’incontro, presieduto dal Prefetto Maria Carmela Librizzi, erano presenti i comandanti provinciali di tutte le forze di Polizia e dei vigili del fuoco, il vicesindaco e gli assessori referenti per la Polizia Municipale e la Protezione Civile del Comune di Messina, i referenti della Curia Arcivescovile e della Soprintendenza per i beni culturali e ambientali e i rappresentanti di ConfCommercio, Confesercenti e Confartigianato.

Obiettivo, il consueto rafforzamento di controlli e dispositivi di prevenzione per  garantire il sereno e sicuro svolgimento delle iniziative programmate per le festività natalizie. Focus antiterrorismo su cerimonie ed eventi con forte richiamo di pubblico e su tutti gli obiettivi sensibili, da quelli istituzionali, a quelli militari, dai centri commerciali alle banche, dai luoghi di culto a quelli di interesse storico o turistico.

Previsto l’incremento di servizi di prevenzione e vigilanza anche per porto e stazione ferroviaria dove transiterà un elevato numero di passeggeri e più in generale per il contrasto alla criminalità diffusa ed ai reati connessi alla maggior circolazione di denaro e preziosi come furti e rapine in banche, centri commerciali, gioiellerie e a portavalori. Controlli serrati saranno effettuati per il contrasto al commercio ambulante abusivo, alla commercializzazione di prodotti contraffatti e a quella illegale di giochi pirotecnici. Raccomandazioni, inoltre, sono state fatte ai rappresentanti delle associazioni di categoria al fine di verificare la perfetta efficienza dei sistemi di videosorveglianza.

In vista dell’aumento del traffico veicolare, verranno incrementati i controlli della Polstrada per garantire il rispetto delle norme del codice della Strada, con particolare attenzione al contrasto alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe, nonché al costante monitoraggio della percorribilità delle strade. Il Prefetto ha poi rivolto ai rappresentanti degli organismi caritatevoli e dei servizi sociali comunali l’invito a rivolgere particolare attenzione a coloro che vivono in condizione di marginalizzazione e disagio sociale.