I siciliani e il cinema: un amore che continua, nonostante la crisi dell’era digitale

127

I siciliani e il cinema: un amore che continua, nonostante la crisi dell’era digitale. Andare al cinema è un’esperienza quasi surreale perché permette di entrare in un’altra dimensione, di staccare dal quotidiano e di regalarsi qualche ora di relax. Con le nuove piattaforme che rubano alle sale il primato nell’alta definizione, sono sempre meno gli italiani che si recano al cinema per quel fatidico momento di svago.

Ma per quanto riguarda i siciliani, qual è oggi il loro rapporto con la settima arte? Groupon ha voluto condurre un sondaggio sul tema, per indagare come si è evoluta questa relazione e scoprire se il grande schermo conserva ancora il suo fascino.

Autunno e inverno sono le stagioni preferite: l’82% dei siciliani intervistati va in sala a godersi un ottimo film quando fuori piove e il freddo inizia a farsi sentire. Di certo il cinema è un luogo da frequentare in compagnia di amici o del partner, con cui commentare la visione, ma non più il luogo perfetto per i primi appuntamenti. I generi preferiti sono la commedia, che non impegna troppo la mente e poi l’azione e il thriller.

Anche se la maggioranza dei siciliani non va al cinema frequentemente, il legame tra essi ed il cinema non si spezza. L’avvento delle piattaforme di intrattenimento digitale che portano i film direttamente sul divano di casa, non ha annullato il desiderio del 59% dei siciliani di guardare un film in sala se per questo si prova davvero interesse, soprattutto se si tratta di film d’azione o con grandi effetti speciali, per cui vale la pena godersi le scene sul grande schermo.

Il sondaggio analizza anche un altro aspetto: il galateo al cinema. Tra l’uso dei cellulari, piedi puntati sullo schienale, cibi troppo rumorosi e bambini che schiamazzano, alcuni atteggiamenti non sono affatto tollerati dai vicini di poltrona, che rischiano dunque di rovinare l’esperienza al cinema.