Scirocco, danni e disagi nel messinese

5651

Un weekend di Pasqua sotto il segno del maltempo. Danni e disagi ovunque, da Palermo a Messina, a causa delle violente raffiche di scirocco, che hanno toccato punte intorno ai 100 km/h.
Sono ore di frenetici interventi per i Vigili del Fuoco di tutti i distaccamenti della provincia, tempestati da richieste di intervento. Nella serata di sabato a Furnari abbattuto un grosso albero in via Condurso, a pochi metri dal bivio per Mazzarà, con danni alla linea elettrica in Contrada San Filippo. Al lavoro gli operatori Enel per ripristinare il guasto. Sfiorata la tragedia, invece, a Terme Vigliatore, tra la via Maceo e via Primo Maggio, dove è crollato un palo della pubblica illuminazione, che non ha colpito un mezzo in transito per puro caso. A Barcellona PG, il vento ha spezzato un grosso ramo in piazza San Sebastiano e divelto un palo della luce lungo la superstrada, nei pressi del campo sportivo di Fondaconuovo. Alberi e pali della luce sono caduti anche a Faro Superiore, in c.da Frappaolo, invadendo la carreggiata e sui colli di San Rizzo.
Non mancano danni sulla A/20, dove è stato chiuso in entrata lo svincolo di S.Stefano di Camastra, dove sempre a causa del vento, il cartellone direzionale è stato letteralmente scaraventato sulla corsia di innesto in autostrada.  Questa mattina è stato chiuso al transito provvisoriamente per un’ora, il tratto autostradale tra Giostra e Rometta per mettere in sicurezza un cartello pericolante. Interventi anche sulle strade provinciali. Sulla 176, Mistretta-Castel di Lucio i Vigili del Fuoco hanno sgomberato, nella notte tra sabato e domenica, la carreggiata da un grosso albero sradicato dal violento scirocco.
Problemi anche alla circolazione marittima. Il mare, che ha toccato forza sette, ha costretto gli aliscafi al fermo nel porto di Milazzo. Collegamenti via mare, dunque, proibiti dalle avverse condizioni meteorologiche a danno dei tanti turisti pronti ad approfittare del lungo ponte per visitare le Eolie. Nessun mezzo è partito da e per le Isole, che sono di fatto isolate da due giorni. Infine anche la circolazione ferroviaria ha subito rallentamenti, nella tratta Messina-Palermo con guasti lungo la linea ferrata e treni bloccati nelle stazioni di Barcellona Pozzo di Gotto e Cefalù.