Milazzo, rinviati a giudizio 3 dirigenti della Raffineria

289

Rinvio a giudizio per tre direttori generali della Raffineria di Milazzo dal 2009 e fino al 2014 e udienza il prossimo 3 aprile.

Vagliate e ammesse circa duecento costituzioni di parte civile, di cui la metà rappresentate e difese dallo studio legale degli avvocati Giardina e Rotelli. Le parti civili sono composte da singoli cittadini, associazioni e comuni della Valle del Mela. Il Pm aveva chiesto il non luogo a procedere per il disastro colposo, ma il Gip ha disposto il giudizio per tutti gli imputati e ha ammesso tutte le costituzioni di parte civile. Gli avvocati Giardina e Rotelli si sono dichiarati soddisfatti per il provvedimento del Giudice e affermano che adesso si è aperta un’altra e ultima finestra a quei cittadini che vogliono costituirsi parte civile entro la data della prossima udienza. Parlano di un’autentica battaglia legale e di un risultato che li inorgoglisce e ricordano la data del primo febbraio in cui si celebrerà un altro processo sempre nei confronti della Raffineria di Milazzo. Dal canto loro, i legali dell’azienda, insistendo sulla richiesta del non luogo a procedere da parte del Pubblico Ministero, hanno sostenuto che, a questo punto, non resta che attendere la decisione del giudice del dibattimento e si sono detti fiduciosi sull’accoglimento delle loro richieste e sull’assoluzione degli imputati, pur manifestando rammarico perché ciò non si è verificato già in questa fase.