Sinagra, sospensiva del Tar su lavori in tre strutture comunali

535

I giudici della prima sezione del Tar di Catania, con ordinanza, hanno accolto la richiesta di sospensiva relativa alla gara d’appalto sul restauro delle strutture comunali La Torre, Il Castello e Palazzo Salleo di Sinagra.

Il ricorso è stato presentato dall’impresa “Fox Srls”, rappresentata dall’avvocato Massimo Miracola, contro il comune di Sinagra, rappresentato dall’avvocato Ferdinando Pinto e la centrale di committenza “Asmel Consortile” e nei confronti della “Consital”, rappresentata dall’avvocato Casimiro Randazzo, impresa che si aggiudicò la gara. L’impresa “Fox” ha chiesto l’annullamento del bando di gara relativo all’affidamento dei lavori di recupero, restauro e risanamento conservativo delle strutture di proprietà comunale denominate La Torre, Il Castello e Palazzo Salleo e la riqualificazione ambientale delle aree adiacenti; fu aggiudicata all’impresa “Consital”, per oltre 549 mila euro, con un ribasso d’asta del 28,156%. La Fox, seconda aggiudicataria, ha chiesto inoltre di ottenere l’aggiudicazione ed in via subordinata il riconoscimento del risarcimento dei danni. Il tar ha disposto una verificazione da parte del dirigente della direzione territoriale del lavoro di Messina per accertare se l’offerta è insostenibile, riguardo al costo del lavoro. In conclusione dell’ordinanza, il Tar ha disposto l’accoglimento della sospensiva ed effettuata la verificazione, che l’udienza di merito sarà il 28 marzo 2019.