martedì, Agosto 9, 2022

San Piero Patti: l’esecutivo ha lanciato nuove misure antispopolamento

d765f371-san-piero-patti
L’amministrazione comunale di San Piero Patti guidata da Cinzia Marchello ha lanciato nuove misure antispopolamento per gli operatori economici e cioè: contributi a chi decide di vivere e lavorare nel centro sampietrino.
Sono finalizzate a incentivare il tessuto economico locale e a evitare il calo demografico. Proprio in questi giorni sono stati pubblicati all’albo tre avvisi pubblici che riguardano tre precisi ambiti di intervento.
Il primo è finalizzato all’assegnazione di contributi straordinari a favore di chi decide di trasferire la propria residenza nel comune sampietrino; il comune potrà assegnare dei contributi una tantum per 5000 euro a famiglia (per un massimo di 6 nuclei familiari) a titolo di concorso per spese di acquisto e ristrutturazione di immobili da adibire ad abitazione principale per non meno di 3 anni.
Il secondo, basandosi sulla stessa tipologia di fondi governativi, ha il fine di agevolare l’insediamento o il potenziamento di attività economiche sul territorio comunale attraverso l’assegnazione di contributi una tantum. Le risorse complessivamente stanziate sono di 35.000 euro e saranno ripartite su due linee d’intervento: per aziende già esistenti al di fuori del comune che decidono di aprire una nuova unità operativa all’interno del comune di S. Piero Patti (max 2 attività, contributo da 7000 euro); per l’avvio di nuove aziende con sede all’interno del comune (max 4 attività, contributo da 5315 euro).
Il terzo riguarda la concessione in comodato d’uso gratuito del caseificio comunale di via Marletta: il comune infatti si rende disponibile alla concessione della struttura e anche alla realizzazione di alcuni lavori di adeguamento per un importo massimo di circa 5200 euro. Potranno presentare istanza per il comodato le attività imprenditoriali zootecniche elattiero-casearie in forma singola o associata.
Si tratta di provvedimenti importanti che, seppur limitati, mirano a sollecitare un’inversione di tendenza dal punto di vista demografico aiutando in modo concreto quanti decidono di venire a vivere o a lavorare a San Piero per i prossimi anni.

Facebook
Twitter
WhatsApp