martedì, Settembre 22, 2020

Musumeci al lavoro sulla nuova ordinanza: anche la Sicilia apre il 3 giugno

Anche la Sicilia aprirà i suoi confini il 3 giugno, così come deciso dal DPCM del 16 maggio scorso, che apre agli spostamenti tra le diverse regioni.
Per questo motivo è attesa una nuova ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci, perchè quella attualmente in vigore tiene di fatto i confini chiusi fino al 7 giugno, prevedendo per chi arriva nell’isola fino a quella data l’obbligo di quarantena per due settimane e il test del tampone.

«Nessun passaporto sanitario», ha ribadito il presidente della Regione a “Un Giorno da pecora”, su Rai Radiouno: «Il turista consente la registrazione dei suoi dati anagrafici, come tutti coloro che prendono un treno o un aereo. E ha il diritto di farsi accompagnare dal nostro sistema sanitario attraverso un’app per smartphone, “Sicilia sicura”. Una app – conferma il governatore – assolutamente facoltativa, che sarà pronta il 5 giugno, ma già dal 3 le persone potranno arrivare nell’isola».

Attraverso la app, che già esiste da mesi ma di cui si sta facendo un aggiornamento, il turista potrà anche comunicare l’eventuale insorgenza di febbre o altri sintomi e in questo caso si verrà contattati dai medici dell’asp di competenza.

Secondo quanto si apprende è questa, dunque, l’unica concessione che il governo nazionale ha fatto alle Regioni che hanno sempre avuto un basso numero di positivi, e che temono un’eventuale ondata di contagi causata dall’apertura di tutta Italia, Lombardia e Piemonte comprese: i passeggeri di treni o aerei saranno tracciati con le generalità e dunque potranno essere contattati qualora si scoprisse che a bordo c’era una persona positiva al Covid-19; inoltre gli albergatori potranno offrire test sierologici assolutamente volontari ai loro clienti.

I dettagli e le nuove misure potrebbero essere illustrati mercoledì dal presidente della Regione e dall’assessore alla salute Ruggero Razza.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp