Galati Mamartino, VI premio antimafia “Francesca Serio” a Selima Giuliano

202

E’ tornata a Galati Mamertino la manifestazione di consegna del Premio antimafia al femminile “Francesca Serio”, organizzato dal Circolo Socialista Nebroideo Indipendente “Italo Carcione” in collaborazione con il comune, l’Istituto di Cultura Politica per la Questione Siciliana e l’Associazione Nazionale Amici di Attilio Manca.

Giunto alla VI edizione il premio è stato assegnato a Selima Giuliano, figlia di Giorgio Boris, Capo della Squadra Mobile di Palermo, freddato da Cosa Nostra il 21 luglio del 1979, per il suo impegno nel testimoniare i valori di umanità nella legalità che furono caratteristici di suo padre. Selima, visibilmente emozionata, ha ricordato suo padre nella veste di genitore, un uomo che rientrando a casa la sera, riusciva chiudere il lavoro fuori dalla porta, a giocare con i suoi figli mantenendo un clima di serenità familiare e persino di allegria, anche se sapeva di essere già condannato a morte.

I lavori, introdotti da Fabio Cannizzaro” presidente del Circolo, hanno puntato alla contestualizzazione storica e all’accostamento umano delle figure di Boris Giuliano e Francesca Serio, ma soprattutto a tenere i fari accesi sull’attualità del fenomeno mafioso, che cambia veste, ma non sostanza, con gli interventi dello scrittore Luciano Armeli Iapichino, del giornalista Nino Amadore e di Fulvio Emanuele, attore galatese, che nella fiction di Rai 1, Boris Giuliano – Un poliziotto a Palermo, ha interpretato Carmelo, un tossicodipendente che aiuterà Giuliano nelle indagini sul traffico di stupefacenti.