Corsi d’oro, pena ridotta per l’ex deputato Francantonio Genovese

709

Processo d’appello “Corsi d’Oro” sulla formazione professionale. Per Francantonio Genovese, assolto da riciclaggio e autoriciclaggio, una riduzione sostanziale della pena di primo grado, che era stata di 11 anni per associazione a delinquere, tentata estorsione, truffa e reati fiscali.

È andata peggio al cognato ed ex parlamentare regionale Franco Rinaldi. In primo grado era stato condannato a 2 anni e 6 mesi, ora in appello un aumento di pena: 3 anni e 2 mesi. Piuttosto articolata la sentenza di secondo grado che ha evidenziato solo 13 posizioni: sei condanne diminuite, sei confermate e una solo aumentata. Il resto è stato cancellato dalla prescrizione. Ecco quelle ridotte: Grazia Feliciotto – 2 anni, pena sospesa, Francantonio Genovese – 6 anni e 8 mesi e 4800 euro di multa, Roberto Giunta – 3 anni e 4 mesi, Elio Sauta – 2 anni e 6 mesi, Chiara Schirò – 2 anni e 6 mesi, Elena Schirò -3 anni e 9 mesi. Conferme per Orazio De Gregorio, Antonino Di Lorenzo, Domenico Fazio, Stefano Galletti, Liliana Imbesi e Salvatore Lamacchia. Assolta per non aver commesso il fatto Giovanna Schirò. Prescrizione per Giuseppina Pozzi, Concetta Cannavò, Carmelo Capone, Natale Capone, Carmelo Favazzo e Natale Lo Presti. Ci sono stati anche assoluzioni e prescrizioni parziali. Nel corso della sua requisitoria il sostituto procuratore generale Adriana Costabile aveva chiesto dodici modifiche di pena rispetto al primo grado, per tutti gli altri la conferma. L’indagine “Corsi d’oro 2”, collegata a “Corsi d’Oro 1” riguarda il sistema della formazione professionale senza controllo; la difesa, soddisfatta per le riduzioni rispetto al primo grado, ora punta al ricorso in Cassazione.