L'odissea di Said dalla guerra Somala alla carceri libiche. Sino ad una nuova vita in Sicilia

“O passi o muori”.  Così Said, profugo somalo che ha raggiunto l’Italia a bordo di un barcone 10 anni fa, sintetizza la risposta a tutte le nostre domande, sul perché e sul come si decide di lasciare il proprio Paese per arrivare in Europa.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank