lunedì, Luglio 22, 2024

Milazzo: “Parole femmine” con Annalisa Insardà

WhatsApp Image 2024-06-19 at 16.24.37

“Parole femmine” è un reading teatrale, che vuole porre l’accento sul lavoro che in questa epoca si sta ponendo in essere per adeguare il linguaggio alla nuova realtà che passo passo va costruendosi, con evoluzioni ed involuzioni, concretezze e voli pindarici, con richieste sacrosante ma anche pretestuose, non senza scontri, a volte anche feroci, all’interno della società civile.
Lo spettacolo affronta con ironia e dissacrazione questa contemporaneità concentrata ad ottenere nuovi equilibri e nuovi slanci, soffermandosi su alcuni argomenti, tutti declinati rigorosamente al femminile, che raccontano, scendendo nel dettaglio, con anche l’aiuto di canzoni a tema, il motivo per il quale certe parole sono necessariamente femminili, come se la forma sostenesse il contenuto. Le indagini riportate nel testo sono frutto di deduzioni degli autori attinte da certi aspetti antropologici ai quali si è fatto riferimento. La narrazione, come lo spirito di questo lavoro, è irriverente; i tratti salienti di alcune tematiche, però, non lasciano spazio a ottimismo o ironia, ma scendono con fermezza e durezza e nel cuore del problema che rappresentano, o della caratteristica che incarnano. Il riferimento a femminile e maschile , e alle loro diversità, è costante. Così come il riferimento ai concetti di parità e uguaglianza. La “ leggerezza” con cui vengono trattati alcuni argomenti e’ un modo per riflettere sul tema del femminile-che oggi più che mai è attuale e spesso esclusivo nel dibattito pubblico-senza impantanarsi però in ostilità dannose, che l’ironia è sempre la chiave che apre il luogo della coscienza senza la necessità di scassinarlo. La “forza” con cui invece si trattano degli argomenti, è un modo per impedire che alcune piaghe si normalizzano fino a diventare tessuto sociale accettato, ancorché auspicabile.

Lo spettacolo è a offerta libera a favore dell’Associazione ONLUS “Gli Amici del Mondo di Bea” , che contribuisce alla ricerca sulle malattie rare.

Facebook
Twitter
WhatsApp