domenica, Luglio 14, 2024

Maturità 2024 – Domani iniziano gli esami di Stato per circa 47.000 alunni siciliani. Il toto-tracce

esami di stato

Ci siamo: la fatidica (e tanto temuta) notte prima degli esami, tanto per citare lo stra-famoso brano di Antonello Venditti, è ormai realtà per circa 47.000 alunni siciliani candidati alla maturità 2024.

Si partirà domani con l’esame di stato che è ritornato alla sua formula originaria: due prove scritte e il colloquio orale finale.

La prima prova da affrontare è domani, mercoledì 18 giugno dalle 8,30. Si tratta del tema di italiano. Sei sono le ore di tempo per la redazione dello scritto. Già ieri mattina le commissioni si sono messe al lavoro per dettare le regole e redigere il calendario delle operazioni. Tutte attività propedeutiche al regolare svolgimento dell’esame, che dovrebbe terminare entro i primi dieci giorni di luglio.

Per la seconda prova scritta, che si svolgerà giovedì 20 giugno alle 8.30, tornano il greco al liceo Classico e la terza lingua straniera al Linguistico, che non si vedevano da prima del Covid e che costituiscono uno spauracchio per gli studenti. Soltanto allo scientifico si va in continuità con la Matematica.

Per la prova di italiano imperversa invece da giorni sul web il toto-tema, spesso però – così l’esperienza insegna – smentito dai fatti la mattina stessa dell’esame. Per la tipologia A, che è quella dell’analisi del testo, gli autori più papabili (e pare desiderati dagli studenti) che si trovano in Rete sono Gabriele D’Annunzio e il nostro Pirandello. Come al solito, gli anniversari o le ricorrenze la fanno da padrone: i 100 anni dall’assassinio di Giacomo Matteotti (che fu rapito e assassinato da una squadra fascista il 10 giugno 1924); ma anche la nascita 150 anni fa di Guglielmo Marconi, o di Robert Oppenheimer 120 anni fa e tornato in auge con il film a lui dedicato. E ancora, gli 80 anni dallo sbarco in Normandia, i 100 dalla morte di Lenin. E poi l’attualità con la guerra Israelo palestinese, il cambiamento climatico, l’intelligenza artificiale

Facebook
Twitter
WhatsApp