venerdì, Aprile 12, 2024

Caltanissetta, estorsioni sugli stipendi dei dipendenti. Guai per due imprenditrici

foto macchina polizia

Sono finite ai domiciliari due imprenditrici che gestiscono un’attività commerciale nel nisseno, perché sospettate di estorsione e tentata estorsione ai danni di più dipendenti. La Squadra Mobile della Questura di Caltanissetta ha eseguito le misure cautelari personali emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari, su richiesta della Procura della Repubblica nissena.

le indagini sono scattate a seguito della denuncia di un ex dipendente di un’attività commerciale, presentata presso la Squadra Mobile, che avrebbe raccontato di aver subito una tentata estorsione da parte delle titolari. In particolar modo, il giovane riferiva agli investigatori che, dopo un periodo di lavoro c.d. “in nero”, a seguito di un controllo ispettivo, era stato “regolarizzato” ma, immediatamente dopo, avrebbe ricevuto la richiesta della restituzione di parte del denaro – risultante dalla busta paga – a lui consegnato a mezzo bonifico bancario. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Caltanissetta, hanno permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico delle due titolari dell’attività commerciale, le quali avrebbero, in più occasioni, effettuato bonifici per l’importo corrispondente a quello previsto in busta paga per la specifica mansione dei dipendenti, per poi richiedere la restituzione, in contanti, di parte del compenso.

In questo modo, le indagate si sarebbero avvantaggiate delle prestazioni lavorative dei loro dipendenti versando un corrispettivo per un importo inferiore a quello previsto dai contratti di lavoro. Alcuni dipendenti, ascoltati presso gli Uffici della Squadra Mobile, avrebbero accettato le condizioni imposte per il timore del licenziamento. Altri, invece, si sarebbero opposti alle richieste e, per questo motivo, sarebbero stati allontanati.

Il GIP, valutati i gravi indizi di colpevolezza raccolti dalla Polizia di Stato ha accolto la richiesta della Procura della Repubblica emettendo le due misure cautelari per la datrici di lavoro. La Squadra Mobile questa mattina ha dato esecuzione all’ordine della Procura della Repubblica di procedere all’esecuzione della misura cautelare, sottoponendo agli arresti domiciliari le due indagate.

Facebook
Twitter
WhatsApp