mercoledì, Febbraio 8, 2023

Messina: convenzioni con la fondazione “Giglio” per gli ospedali di Mistretta e Sant’Agata Militello, quali benefici per l’Asp?

de leo

L’Asp di Messina è intenzionata ad ampliare il raggio di azione della convenzione stipulata con la Fondazione “Giglio” di Cefalù, già in vigore per l’ospedale di Mistretta limitatamente alle prestazioni di urologia, ad altre branche specialistiche tanto presso lo stesso “Santissimo Salvatore” quanto anche per l’ospedale di Sant’Agata di Militello.

In una interrogazione parlamentare, a prima firma dell’onorevole Alessandro De Leo, rivolta al presidente della Regione e all’assessore alla salute, si chiedono chiarimenti a riguardo.

Ad oggi sembrerebbe che dall’analisi dei costi/benefici si produrrà un saldo negativo per l’Asp di Messina, in considerazione dei costi posti a carico della stessa, che comprenderebbero la pulizia, manutenzione e assicurazione dell’idoneità dei locali e degli impianti che saranno utilizzati dalla Fondazione, compresi gli oneri per la sicurezza, i farmaci, i presidi e il materiale sanitario, le  spese di sanificazione, a fronte di entrate da DRG quasi esclusivamente a beneficio della Fondazione, con il rischio molto concreto di un danno erariale.

Le specialità interessate, con riguardo esclusivamente agli interventi in elezione ed espressa esclusione dell’emergenza/urgenza, riguarderebbero, oltre l’urologia già oggetto di convenzione per Mistretta, anche le specialità di chirurgia generale, ortopedia e ginecologia, e si estenderebbero all’ospedale di Sant’Agata di Militello.

Oltre ai profili di probabile danno erariale che l’analisi costi-benefici sembra evidenziare – afferma l’onorevole De Leo – e all’allarme lanciato anche dalle organizzazioni sindacali circa il rischio concreto di eccedenze di personale medico, infermieristico, tecnico sanitario, opetatori sociosanitari, ausiliari, etc., con probabile trasferimento in altre sedi dei professionisti che compongono le équipe operatorie attualmente impegnate per conto dell’Asp, ciò che più ci preoccupa è un progressivo smantellamento dei presidi ospedalieri, con conseguente riduzione della operatività e dei servizi ai pazienti. In altri termini non vorremmo che tale indirizzo sottenda un progressivo ulteriore disimpegno dell’Asp dai presidi di Mistretta e di Sant’Agata di Militello solo in parte compensato dall’attività oggetto della convenzione“.

L’interrogazione, oltre che dall’onorevole De Leo è stata sottoscritta anche dai deputati De Luca, Balsamo, Geraci, La Vardera, Lombardo, Sciotto e Vasta, ed è volta ad ottenere chiarimenti sulla conformità della convenzione alle previsioni del decreto regionale sulla rimodulazione della rete ospedaliera della Regione Sicilia ed all’Atto Aziendale dell’Asp di Messina e sulla salvaguardia, per l’ospedale di Mistretta, della qualificazione quale presidio ospedaliero in zona disagiata secondo le previsioni del decreto Balduzzi.

Facebook
Twitter
WhatsApp