martedì, Settembre 27, 2022

Brolo – Ancora sequestri di ombrelloni “segnaposto”. Vietato lasciarli incustoditi anche di giorno

D6804650-B1D3-4776-A3D6-35C8159DA39D

A Brolo da segnalare ancora sequestri di ombrelloni. Vietato lasciarli incustoditi anche di giorno

Nuova ordinanza per l’utilizzo delle spiagge libere. Ed intanto ieri sera nuovo blitz sulle spiagge.

Sotto la direzione del comandante Salvatore Messina, ieri la polizia municipale brolese, ha effettuato nuovi sequestri sulla spiaggia  dove, incuranti dei divieti, in tanti continuano a perpetuare il sistema del “salva posto prenotato”.

Ora il comune  con una nuova ordinanza accentua le restrizioni e i divieti, anche in vista del ferragosto.

Multe sino a 619,00 euro.

Questa la sintesi del nuovo provvedimento.

Vista l’Ordinanza n.11/2021 con cui l’Ufficio Circondariale Marittimo di Sant’ Agata Militello disciplina gli aspetti relativi alla “Sicurezza Balneare” e le altre disposizioni in merito
il sindaco brolese, di concerto con il comando della polizia municipale ha posto in essere nuove regola per l’esercizio dell’uso delle spiagge. Motivazioni che spaziano dai motivi igienico sanitari alla salvaguardia della salute pubblica, ma anche per assicurare la corretta fruizione delle spiagge pubbliche.

I divieti

Quindi nell’ambito delle aree Demaniali Marittime e delle zone di mare territoriale, facenti parte del Comune di Brolo – lungo il litorale compreso tra la C.da Malpertuso e la foce del torrente Sant’Angelo da oggi è vietato:
– Lasciare infissi o appoggiati sulle spiagge libere, dalle ore 09:00 alle ore 19:00, ombrelloni, sedie a sdraio e altre attrezzature similari incustodite e non utilizzate;

– Lasciare infissi o appoggiati sulle spiagge libere, dalle ore 19:00 alle ore 09:00, ombrelloni, sedie a sdraio e altre attrezzature similari incustodite e non utilizzate:

– Occupare con ombrelloni, sdraio, sedie, sgabelli, teli, ecc. nonché mezzi nautici, ad eccezione di quelli di soccorso, la fascia di metri 5 dalla battigia, destinata esclusivamente al libero transito con divieto di permanenza esclusi i mezzi nautici di soccorso, anche in corrispondenza delle aree date in concessione ai Lidi;

– Dalle ore 0:00 alle ore 24:00, installare tende da utilizzare come parasole o altri apprestamenti, campeggiare, bivaccare o pernottare anche senza ausilio di tende, sacchi a pelo, accendere falo, ecc.,

–  Transitare e ho sostare con qualsiasi tipo di veicolo o mezzo mobile, ad eccezione di quelli destinati alla pulizia delle spiagge. Dal divieto sono esclusi i mezzi motorizzati utilizzati dai portatori di handicap atti a consentire autonomia nei loro spostamenti;

– Gettare in mare, lasciare sulla spiaggia o sugli arenili rifiuti di qualsiasi genere;

– Usare shampoo, balsami, bagno schiuma o altro tipo di detergenti;

–  Lasciare aperte le docce dopo l’uso;

– Introdurre sia sull’arenile che in acqua cani o altri animali, al di fuori degli spazi previsti situati alla foce del Torrente Sant’ Angelo;

– Non rispettare i limiti e le avvertenze relativi alla sicurezza della spiaggia e della balneazione;

– Esercitare la pesca con qualsiasi attrezzo munito di amo, o altro mezzo, nella fascia di mare di 200 metri dalla battigia della costa, nel periodo compreso tra le ore 9,00 alle ore 20,00;
–  Svolgere giochi che possono recare danno o molestia a persone quali palloni, tamburelli, frisbee, etc.

LE SANZIONI

La contravvenzione ai divieti della presente Ordinanza è perseguibile ai sensi della Legge 24/11/1981 n. 689 per quanto applicabile, salvo che il fatto non costituisca più grave illecito e salve, in tal caso, le eventuali maggiori responsabilità loro derivanti da tale comportamento, che saranno perseguite ai sensi delle norme del Codice della Navigazione e per l’inottemperanza di quelle norme emesse per motivi igienico sanitarie dall’articolo 650 del Codice Penale: per la violazione di cui ai numeri 3, 4, 5 con le sanzione amministrativa da un minimo di Euro 103,00 ad un massimo di Euro 619,00; per le violazioni di cui ai numeri 1, 2, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12 con la sanzione amministrativa da un minimo di Euro 25,00 ad un massimo di Euro 150,00.

Le strutture, gli oggetti o i mezzi che si trovano in contrasto con i punti 1, 2, 3,4, 5, 11, 12 della presente Ordinanza, amministrativa ai contravventori, dalla Polizia Municipale e dalle forze dell’Ordine. fatto obbligo a chiunque di osservarla ai sensi degli articoli 1164 e 1174 del Codice della Navigazione.

Gli Ufficiali e gli Agenti di Polizia Municipale e le forze dell’Ordine sono incaricati dell’esecuzione della presente Ordinanza.

Facebook
Twitter
WhatsApp