venerdì, Febbraio 23, 2024
  • blank

Tusa, presentata la campagna scavi 2022 di Halaesa Arconidea. Coinvolti gli atenei di Oxford, Amiens, Messina e Palermo

presentazione scavi tusa 2022

Anche quest’anno è iniziata la campagna di scavi nell’antica città di Halaesa Arconidea, nel territorio di Tusa.

Nel pomeriggio di venerdì 8 luglio si è svolto nell’aula consiliare del comune tirrenico  l’incontro di benvenuto al Magnifico Rettore dell’Université de Picardie Jules Verne di Amiens. Il dott. Benlahsen, in visita alla missione francese dell’università ad Halaesa Arconidea, è stato accolto dall’Amministrazione Comunale per un saluto, che ha anticipato l’incontro che si è svolto sabato 9 luglio per la conferenza di presentazione della campagna di scavi al sito archeologico, alla presenza dell’Assessore ai BB.CC.AA. e dell’Identità Siciliana Alberto Samonà e della Direttrice del Parco Archeologico di Tindari Anna Maria Piccione, del Sindaco di Tusa, Luigi Miceli, del vice sindaco Angelo Tudisca, dello stesso rettore rettore dell’UPJV, Mohamed Benlahsen e dei colleghi delle altre missioni presenti ad Halaesa, Jonathan Prag e Aurelio Burgio dell’Ateneo palermitano, dell’archeologo Rocco Burgio della Soprintendenza di Messina. I risultati della campagna saranno presentati alla cittadinanza il prossimo 21 luglio.

“Insieme a quella dell’Università di Amiens, le campagne di scavo presentate sono quelle dell’Ateneo di Messina, dell’Università di Oxford e dell’Università di Palermo.” spiega l’assessore Samonà. “L’Università di Messina (Dipartimento di Civiltà antiche e moderne), sotto la direzione del professor Lorenzo Campagna insieme all’Università di Oxford, sotto la direzione del professor Jonathan Prag, esploreranno l’area del Santuario principale della città, posto sulla sommità della collina, sede dell’Acropoli settentrionale, prospiciente il mare. Il santuario comprende una serie di edifici di culto, tra cui quello dedicato ad Apollo, il più grande e importante Tempio del sito. Le indagini, avviate tra fine giugno e i primi di luglio stanno riguardando le aree circostanti il santuario, sui versanti sud ed est, con l’obiettivo di individuare la via di accesso al complesso sacro.”

blank

“L’Università di Palermo (Dipartimento Culture e Società) quest’anno sarà impegnata in due diversi settori del sito. Il professore Aurelio Burgio, a partire dal 18 luglio, dirigerà la missione di scavo che continuerà l’indagine del settore orientale delle fortificazioni dell’antica città, tra le torri B e C e la corrispondente via di accesso. Il professore Massimo Limoncelli, invece, a partire dal 5 settembre dirigerà la missione di scavo che riprenderà, dopo 15 anni, il completamento dello scavo del complesso monumentale dell’agorà.”

blank
Facebook
Twitter
WhatsApp