giovedì, Maggio 26, 2022

Acquedolci: sferra una coltellata al rivale in amore in un bar del centro. 55enne arrestato dai carabinieri

CC Acquedolci

Una brutta vicenda, che sembra essere legata ad un astio profondo per motivi passionali, si è consumata nel primo pomeriggio di ieri, 12 maggio, ad Acquedolci. In un bar del centro cittadino un 55enne avrebbe inferto una coltellata al fianco ad un 63enne, mentre quest’ultimo era intento a consumare al bancone. Secondo una prima ricostruzione, la vittima, un imprenditore del luogo, si sarebbe accasciato a terra per la ferita, ma sarebbe riuscito a sottarsi all’aggressore, che dopo aver inferto la coltellata, con un coltello a serramanico, si sarebbe dato alla fuga.

Il 63enne è rimasto gravemente ferito ed è stato prima soccorso al P.S. dell’ospedale di Sant’Agata di Militello e poi trasferito all’ospedale Fogliani di Milazzo, dove adesso si trova ricoverato. Ha riportato una profonda ferita da taglio, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Sul posto immediato e risolutivo l’intervento dei Carabinieri della locale stazione e del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Santo Stefano di Camastra, sotto il coordinamento dal capitano Adolfo Donatiello, cha hanno immediatamente avviato le indagini.

Grazie alla segnalazione di alcuni avventori i miltari dell’arma hanno ricostruito quanto accaduto e indentificato il presunto aggressore. Il 55enne sarebbe stato, quindi, rintracciato e raggiunto dai carabinieri presso la propria abitazione. L’uomo è stato condotto negli uffici della locale caserma, dove i militari hanno poi formalizzato l’arresto. Emergerebbe da quanto ricostruito dagli inquirenti, un profondo rancore nutrito dal presunto aggressore nei confronti della vittima, già manifestato con fatti analoghi in passato ed odio legati alla sua ex coniuge, “che, a dire del reo” scrivono gli investigatori “potevano essere placati solo con la morte dell’uomo.”

Per il 55enne ora l’accusa è di tentato omicidio. L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato trasferito al carcere di Barcellona Pozzo di Gotto, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Facebook
Twitter
WhatsApp