venerdì, Agosto 19, 2022

Vaccini – Palermo, 8.000 dosi somministrate in farmacia nell’ultima settimana. Tobia: “Apprezzato ruolo della farmacia come presidio sanitario di prossimità”

vaccini astrazeneca sicilia
Fiala di vaccino AstraZeneca (foto AMnotizie)
Sponsorizzata

“Ottomila vaccinazioni nelle farmacie in una settimana, 50mila dallo scorso 3 settembre: sono numeri che confermano quanto i cittadini stiano apprezzando il nuovo ruolo della farmacia come presidio sanitario di prossimità, sicuro, efficiente e comodo da fruire”. Lo dice Roberto Tobia, segretario nazionale e presidente a Palermo di Federfarma, commentando il report delle vaccinazioni in farmacia di questa settimana.

Nelle 93 farmacie che hanno attivato il servizio (61 in città e 32 in provincia) sono state inoculate 2.958 dosi di Pfizer e 4.920 di Moderna, per un totale di 7.878 somministrazioni (4.302 a Palermo e 3.576 in provincia). Dall’inizio della campagna vaccinale in farmacia, lo scorso 3 settembre, sono stati immunizzati 49.666 cittadini.

“Tutti – sottolinea Tobia – possono osservare lo sforzo titanico che le nostre farmacie stanno compiendo nell’adempiere ad un dovere civico e sociale, quello di garantire a tutti il vaccino nel più breve tempo possibile, aperte anche oltre il normale orario di lavoro e con più personale addetto al servizio. E questo è ancora più apprezzabile in provincia, dove tutte le piccole farmacie rurali dei centri lontani dagli hub vaccinali stanno compiendo miracoli pur di non lasciare indietro nessuno”.

“Ringrazio – conclude il presidente di Federfarma Palermo – tutti i farmacisti titolari e i loro collaboratori per l’elevata adesione all’iniziativa e per avere con entusiasmo fatto proprio lo spirito con cui il legislatore ha integrato la funzione della farmacia – oggi non più solo luogo di dispensazione di farmaci – , eleggendola a sede sicura e affidabile del Servizio sanitario nazionale, dove si erogano prestazioni sanitarie a supporto della risposta fornita da ospedali, Asp e medici alla domanda di assistenza sanitaria”.

Facebook
Twitter
WhatsApp