lunedì, Agosto 15, 2022

Tortorici: chiusura immotivata degli uffici del giudice di pace, chiesto incontro con il ministro Cartabia

Bernardette Grasso

“Trovo ingiusto oltre che immotivato dal punto di vista dell’amministrazione locale della giustizia, che a Tortorici si proponga da Roma la chiusura della sede del giudice di pace, che garantisce un efficiente servizio anche ai comuni limitrofi. Sarebbe un torto inqualificabile, specie verso i cittadini che già soffrono l’enorme distanza per raggiungere il tribunale più vicino.” Queste le dichiarazioni del deputato regionale di Fi Bernardette Grasso. 

Sollecitata dai sindaci del comprensorio, con a capo il primo cittadino di Galati Mamertino, Vincenzo Amadore, si chiederà un incontro al ministro della giustizia Marta Cartabia, affinché possa rivedere la posizione assunta nei confronti di un territorio che sarebbe fortemente penalizzato.

Il palazzo che ospita gli uffici del giudice di pace di Tortorici è di proprietà ministeriale, quindi non ci sono spese di fitto. Mentre per le spese di gestione, i comuni che usufruiscono del servizio sarebbero disponibili a sostenerle, visto che si tratta di poche migliaia di euro.

“Parliamo di un fiore all’occhiello locale, con un’alta percentuale di gradimento da parte dell’utenza e dagli addetti ai lavori, ha concluso la Grasso. Un vero presidio di legalità la cui chiusura è una scelta istituzionale senza senso. Piuttosto sia tutelato”.

Facebook
Twitter
WhatsApp