venerdì, Settembre 30, 2022

Scarcerato 23enne accusato di violenza sessuale e stalking. Per lui obbligo di dimora e braccialetto elettronico

avvocato ricciardi

E’ stato scarcerato il 23enne arrestato lo scorso 7 dicembre dai Carabinieri della compagnia di Sant’Agata di Militello, con l’accusa di volenza sessuale e stalking nei confronti della ex giovanissima fidanzata. Il ragazzo, difeso dall’avvocato Benedetto Ricciardi e sentito dal magistrato sabato 11 dicembre, avrebbe respinto le accuse. All’esito dell’interrogatorio di garanzia, il GIP del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, Giuseppe Sidoti accogliendo la tesi difensiva, esposta per oltre un’ora dal legale dell’indagato, ha sostituito la misura cautelare in carcere, con quella del divieto di avvicinamento alla vittima, obbligo di dimora in altro comune e applicazione del braccialetto elettronico. Il dispositivo è stato eseguito oggi e il 23enne è già tornato a casa.

Una vicenda delicata, questa, che vede coinvolti due ragazzi molto giovani, ricostruita con attenzione dai militari dell’arma di Sant’Agata Militello, chiamati in prima battuta ad indagare su un caso di stalking. I fatti risalirebbero alla scorsa estate, quando la ragazza, che aveva intrattenuto una relazione con l’indagato, l’avrebbe interrotta. Il 23enne che non avrebbe accettato la decisione, avrebbe iniziato a vessarla, con telefonate e minacce continue, tanto da indurre la ragazza a denunciare i fatti ai carabinieri, facendo scattare le procedure del “codice rosso”. E’ stato durante la fase di indagine, avviata dalla Procura pattese, che la giovane, ascoltata dagli inquirenti, avrebbe raccontato anche un episodio di violenza sessuale, avvenuto mentre si trovava in un comune ricadente nella giurisdizione della procura di Barcellona, a cui è passato il fascicolo per competenza territoriale.

All’esito delle indagini il PM Luca Gorgone, titolare dell’inchiesta, aveva chiesto ed ottenuto la misura cautelare dell’arresto in carcere, oggi sostituita con altra misura meno afflittiva.  Si attende ora l’esito della conclusione delle indagini.

Facebook
Twitter
WhatsApp