giovedì, Gennaio 27, 2022

Nuova ordinanza di Musumeci, obbligo di mascherina all’aperto e tamponi obbligatori per chi arriva in Sicilia

Nello Musumeci

Da domani in Sicilia obbligo della mascherina all’aperto dai 12 anni in su, ulteriori restrizioni per i voli in arrivo da Sudafrica ma anche Botswana, Egitto, Hong Kong, Turchia e Israele e tamponi molecolari, e non più rapidi, per i migranti dopo l’eventuale quarantena.

Questa in sintesi la nuova ordinanza firmata dal Presidente della Regione Nello Musumeci per salvaguardare le festività natalizie in Sicilia, valida dal 2 al 31 dicembre.

5 gli articoli firmati dal Presidente della Regione.

Il più importante riguarda l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici e aperti al pubblico, per tutti i cittadini al di sopra dei 12 anni. Sarà compito delle forze dell’ordine garantire il rispetto delle  prescrizioni, anche mediante azioni mirate di controllo e con la irrogazione delle sanzioni previste dalla legge.

Fino al 31 dicembre tampone obbligatorio in porti e aeroporti per chi arriva, o vi abbia transitato nei 14 giorni precedenti, da Sudafrica, Botswana, Egitto, Hong Kong, Turchia e Israele. Attualmente il controllo è già previsto per chi proviene, dagli Usa, Germania, Regno Unito, Malta, Portogallo, Spagna, Francia, Grecia e Olanda.

Inoltre per chi fosse arrivato in Sicilia nei dieci giorni antecedenti all’ordinanza, provenendo o essendo transitati dai Paesi di cui sopra, sono tenuti a darne comunicazione al Dipartimento di prevenzione dell’Asp territorialmente competente e al proprio Medico di medicina generale, al fine di essere sottoposti a test molecolare mediante tampone naso-faringeo. Nel caso di soggetti positivi, si procede al sequenziamento delle eventuali varianti del virus nei laboratori regionali autorizzati.

Alla luce del progressivo e necessario aumento delle attività di sequenziamento delle varianti del virus Sars-Cov-2, il DASOE e l’assessorato regionale alla Salute provvedono alla ricognizione di tutti i laboratori attivi in grado di procedere al sequenziamento delle varianti e che operano nel territorio regionale e ne coordinano le attività, con il fine di aumentare progressivamente il numero dei tamponi sequenziati, garantendo gli stessi livelli e le stesse performance in tutte le province dell’Isola.

Infine tutti i migranti che raggiungono il territorio della Regione Siciliana e per i quali si procede all’obbligo di quarantena ed al test rinofaringeo con tampone antigenico, saranno sottoposti, al termine della quarantena al tampone molecolare, al posto di quello antigenico.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp