blank

Sant’Agata Militello: assolto con formula piena 34enne accusato di maltrattamenti in famiglia

“Assolto perché il fatto non sussiste”.  Questo l’esito dell’udienza che si è svolta innanzi al Gup del Tribunale di Patti, Ugo Domenico Molina, venerdì 24 settembre scorso e che ha visto imputato per maltrattamenti nei confronti di familiari conviventi, aggravati dall’averli compiuti dinanzi ad un minore, un 34enne di Sant’Agata di Militello, difeso dall’avvocato Alberto Ferraù.

I fatti oggetto del giudizio risalgono al semestre giugno-dicembre 2020, periodo durante il quale si erano verificati secondo l’accusa, sostenuta dal PM del tribunale di Patti, Antonietta Ardizzone, diversi episodi di violenze e vessazioni nei confronti della compagna del 34enne: spintoni, insulti e violenti strattoni. Addirittura, in un’occasione, l’uomo, sempre secondo l’accusa, aveva afferrato la compagna, che voleva lasciarlo, per il collo, procurandole dei lividi. Il 34enne, denunciato dalla compagna, era stato rinviato a giudizio lo scorso 1 marzo e aveva scelto di definire il giudizio con rito abbreviato, condizionato all’audizione della persona offesa.

Il Gup di Patti, all’udienza preliminare, dopo aver ascoltato la presunta vittima, accogliendo la tesi difensiva del legale del 34enne, l’avvocato Alberto Ferraù, lo ha assolto con formula piena, perché il fatto non sussiste.

(sc_adv_out = window.sc_adv_out || []).push({ id: 486803, domain: "n.ads5-adnow.com", });
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank
blank