Covid – Castell’Umberto: Asp, comune da collocare in “zona ad alto rischio”. Sarebbe il primo in Sicilia con nuovi parametri

Covid Sicilia

Castell’Umberto può essere collocato nella “zona ad alto rischio” epidemiologico. Lo dicel’Asp di Messina, con una nota di oggi, sabato 7 agosto, con la quale il Dipartimento di Prevenzione ha espresso il suo parere sull’andamento dell’epidemia da SARS-Cov2 nel piccolo comune, dove si contano 18 attuali positivi e 54 persone in quarantena perché contatti di primo livello di soggetti positivi su 2.930 abitanti.

Secondo quanto riportato nella nota, resa pubblica via social dal sindaco, Vincenzo Lionetto Civa, nell’ultima settimana, dal 31 luglio al 06 agosto, si sono registrati 17 nuovi casi di infezione accertati con tampone molecolare, che fanno superare l’indice cumulativo di 250 casi ogni 100.000 abitanti, con una incidenza di 7,5 casi settimanali. Di questi 17 nuovi positivi ben 12 sono soggetti compresi nella fascia di età anno di nascita 2000-2005. L’impennata dei contagi, da quanto emerso dalle attività di tracciamento, sarebbe da ricondurre ad una gita in pullman nel parco divertimenti di “Etnaland” avvenuta il 28 luglio scorso. In atto nel comune ci sono 3 focolai familiari, tutti riconducibili alla gita.

L’Asp specifica poi che che nel comune l‘adesione alla campagna vaccinale risulta essere al 30 luglio del 45,50%. Visti i nuovi parametri, dunque, per i sanitari il comune può essere collocato in “zona ad alto rischio”, ovvero quella dove dovrebbero essere applicate le massime restrizioni alla libera circolazione delle persone e alle attività. Ad oggi, dopo la pubblicazione del parere elaborato dal Comitato tecnico scientifico per l’emergenza Covid in Sicilia sulle suddivisione in 4 fasce di rischio (da bassissimo ad alto) reso noto lo scorso 4 agosto, nessun comune è stato ancora fatto rientrare nell’ultima fascia. Si attende, ora, di sapere cosa deciderà il Governo Regionale, alla luce del nuovo parere dell’ASP5, per Castell’Umberto.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp