blank

Aveva morso la mano della figlia, cane ucciso a colpi di pistola e trascinato in strada: la vendetta del padre

Uccide a colpi di pistola il cane del vicino di casa che aveva morso la mano di sua figlia e poi lo trascina per strada, legandolo con una corda al suo furgone. Tutta la tragica operazione è stata ripresa con il suo cellulare e “postata” sui social. Nel filmato, inquadrando il povero animale morto, l’uomo rivendica il gesto, parlando di una promessa di vendetta mantenuta.

È l’accusa contestata da carabinieri di Mazara del Vallo, nel Trapanese, a un 44enne romeno che è stato arrestato per uccisione di animale, detenzione illegale di armi e munizioni, armi clandestine e alterazioni di armi.

Le indagini erano state avviate dopo la denuncia presentata dalla presidente dell’associazione nazionale protezione animali onlus. I militari dell’Arma hanno visionato tutto il materiale pubblicato dall’uomo sui social dove si ritraeva spesso in selfie con in mano pistole e munizioni. Durante una perquisizione domiciliare al 44enne sono stati sequestrate: un’arma da fuoco artigianale clandestina, 80 cartucce a pallettoni, 113 cartucce a ‘salve’, una pistola a salve calibro 9 modificata ‘senza tappo rosso.

L’uomo è stato agli arresti domiciliari dove è rimasto fino all’udienza di convalida durante la quale è stata disposto l’obbligo di dimora a Mazara del Vallo e di presentazione alla Polizia Giudiziaria. Contestualmente gli è stata sospesa l’erogazione del reddito di cittadinanza.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank