Terme Vigliatore

Terme Vigliatore: appalto dei lavori ad una scuola elementare, ricorso al Tar e appello al Cga

E’ stato giudicato illegittimo il comportamento del comune di Terme Vigliatore che ha omesso di pagare l’importo sulla revisione dei prezzi collegati all’appalto dei lavori di costruzione di una scuola elementare; ora il comune dovrà attivarsi a pagare l’impresa.

Così ha deciso il consiglio di giustizia amministrativa sull’appello proposto dal comune termense rappresentato dall’avvocato Antonino Salvatore Isgrò contro l’impresa che si era aggiudicata l’appalto, rappresentata dagli avvocati Mario Caldarera e Antonio Sottile. L’impresa presentò ricorso al Tar nel 2000; nel 1989 si era aggiudicata l’appalto dei lavori di costruzione di una scuola elementare nel comune di Terme Vigliatore.

Nel corso dell’esecuzione dei lavori, per circostanze imprevedibili e per colpe non addebitabili alla impresa, si era avuto un aumento considerevole dei costi, tale da richiedere una revisione dei prezzi, ma il comune negò la revisione; l’impresa, nel 1993, propose ricorso gerarchico che fu accolto. Nonostante ciò, il comune non ha proceduto a corrispondere alla impresa le somme richieste, neppure a seguito di atti di diffida; il Tar, in primo grado, riconobbe l’inerzia del comune. Ora, dopo la sentenza del Cga, il comune, entro 60 giorni, dovrà dare riscontro all’istanza dell’impresa; nel caso in cui scada infruttuosamente il termine per ottemperare alla sentenza, è stato nominato commissario ad acta il Prefetto di Messina.

(sc_adv_out = window.sc_adv_out || []).push({ id : "486803", domain : "n.ads5-adnow.com", no_div: false });
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank