blank

Milazzo – Uccisi da un folle omicida a colpi di fucile, l’Arma ricorda i Carabinieri Pirrone e Arnoldi

Ricorre oggi il 49° anniversario della morte dei Carabinieri Medaglia d’Argento al Valor Militare Antonino Pirrone e Antonio Arnoldi, uccisi il 24 maggio del 1972 a Milazzo. Quel 24 maggio 1972, i due militari furono vittima della follia omicida di un individuo, colto da raptus, il quale, armato di un fucile da caccia semiautomatico caricato a pallettoni, con una bicicletta, aveva in animo di raggiungere la locale caserma dell’Arma per uccidere quanti più militari possibile. Intorno alle ore 10,30 di quel giorno in via Migliavacca, l’uomo incrociò l’autoradio del Nucleo Radiomobile con a bordo l’Appuntato Pirrone ed il Carabiniere Arnoldi e fece segno ai militari di fermarsi; in quel frangente, l’uomo improvvisamente imbracciò il fucile facendo ripetutamente fuoco contro l’auto dei Carabinieri, colpendo i due militari che si trovavano a bordo.

Nonostante fossero gravemente feriti, i due Carabinieri riuscirono ad uscire dal mezzo militare e, mentre l’Arnoldi tentò di rispondere al fuoco con l’arma di ordinanza ma venne nuovamente colpito, il Pirrone riuscì ad avvisare via radio la Centrale Operativa della Tenenza Carabinieri di Milazzo consentendo così l’immediato intervento dei commilitoni che neutralizzarono ed arrestarono il folle omicida.

Il 1° febbraio 1973, il Presidente della Repubblica conferì ai due Carabinieri caduti in servizio la “Medaglia d’Argento al Valor Militare” alla memoria, con le seguenti motivazioni:

Appuntato Antonino PIRRONE:

Capo equipaggio di autoradio di nucleo radiomobile, ferito mortalmente da due colpi di fucile esplosigli proditoriamente da un individuo colto da un eccesso di follia, che aveva gravemente ferito il militare conduttore e minacciava di raggiungere la caserma dell’Arma con propositi criminosi, con sovrumano sforzo tentava di opporsi alla furia dell’omicida che riusciva a sfuggirgli. In un ultimo disperato, generoso impulso, prima di abbattersi esanime, rifiutando il soccorso dei presenti, attivava, con la radio di bordo, la centrale operativa, che attuava il necessario risolutivo intervento. Mirabile esempio di eccezionale altruismo, elevato senso del dovere e non comuni virtù militari.”.

Milazzo (Messina) 24 maggio 1972.

Carabiniere Antonio ARNOLDI:

Conduttore di autoradio di nucleo radiomobile, gravemente ferito alla testa da colpo di fucile esplosogli proditoriamente da un individuo colto da eccesso di follia, che aveva mortalmente ferito il capo equipaggio e minacciava di raggiungere la caserma dell’Arma con propositi criminosi, estratta la propria pistola, con sovrumano sforzo tentava un’estrema reazione contro il malvivente, ma, allo stremo delle forze, si abbatteva privo di sensi al suolo. In ospedale, prima di morire, dando ulteriore dimostrazione di elevato sentimento di cameratismo, chiedeva di conoscere la sorte del capo equipaggio, quant’altro si era verificato di grave e se il folle fosse stato assicurato alla giustizia. Mirabile esempio di elevato senso del dovere, eccezionale altruismo e non comuni doti militari”.

Milazzo (Messina) 24 maggio 1972.

A causa delle limitazioni imposte dalla normativa di contenimento del Covid19, quest’anno non si è tenuta la cerimonia di commemorazione dei due caduti che viene organizzata annualmente a Milazzo, nei pressi della lapide che ricorda il sacrificio dei due Carabinieri ubicata nel luogo dell’agguato all’incrocio tra via Migliavacca e via Col. Magistri.

Nel ricordare il tragico evento e l’atto di eroismo dell’Appuntato Pirrone e del Carabiniere Arnoldi, i Carabinieri di Messina si stringono idealmente ai familiari dei loro commilitoni caduti nell’adempimento del dovere.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank