blank
Operazione Gotha 6

Barcellona, Operazione “Gotha 6”: confermati sette ergastoli in appello – VIDEO

La conferma di sette ergastoli, una riduzione di pena e una assoluzione parziale. Si conclude con questa sentenza il processo d’appello Gotha 6, il sesto capitolo di inchiesta sulla famiglia mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto, condotta dalla DDA di Messina.

L’inchiesta nel 2016 fece luce su mandanti ed esecutori di 17 omicidi e di un tentativo di omicidio, avvenuti tra il 1993 e il 2012 a Barcellona Pozzo di Gotto e in vari centri della zona tirrenica. Una lunga scia di sangue che non è però rimasta impunita.

Dopo una lunga camera di consiglio, la sentenza di primo grado è stata confermata quasi in toto.

Ergastolo confermato per Antonino Calderone detto “Caiella”, 44 anni, Salvatore Di Salvo,  Carmelo Giambò, Pietro Nicola Mazzagatti, Angelo Caliri, Giuseppe Gullotti e Giovanni Rao, per cui la Corte ha deciso un’assoluzione da un omicidio per non aver commesso il fatto, confermando comunque il carcere a vita per altri reati.

Confermata anche la condanna a 18 anni per il collaboratore di giustizia Aurelio Micale, che con le sue dichiarazioni ha consentito di fare luce sulla catena ventennale di omicidi.

Ridotta la pena da 18 anni a 16 anni e 3 mesi per Antonino Calderone. L’accusa, rappresentata dal procuratore generale Vincenzo Barbaro e dal sostituto procuratore generale Felice Lima, aveva chiesto la conferma degli ergastoli e delle due pesanti condanne già disposte in primo grado.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank
blank
blank