blank

Mafia – Sparatoria tra clan con 2 morti a Catania: 14 arresti

14 arresti sono stati comminati dal comando provinciale dei Carabinieri di Catania questa mattina.

Al centro dell’inchiesta la sparatoria dell’8 agosto 2020 quando affiliati e esponenti di vertice dei clan mafiosi dei “Cursoti milanesi”, a bordo di due auto, e dei Cappello, su almeno 14 motoveicoli, si scontrati deliberatamente nelle strade del rione di Librino.

Il bilancio dello scontro armato fu di due morti (persero la vita Luciano D’Alessandro e Vincenzo Scalia) e di diversi feriti.

Esito che – sottolinea la Dda della Procura di Catania – poteva essere ben più nefasto.

Librino è un quartiere molto popolato, dove i residenti (tra cui molte donne e bambini) d’estate sono soliti trattenersi in strada fino a tardi.

Nei giorni successivi alla sparatoria erano stati 5 i soggetti fermati: la sparatoria era legata a rancori personali precedenti occorsi tra le due organizzazioni criminali contrapposte. Probabilmente al centro di tutto c’era la gestione del traffico di droga.

Le due organizzazioni si erano date appuntamento nel rione Librino, poi il tutto era degenerato ed erano partiti i primi colpi di pistola che avevano portato a due morti violente.

Adesso le 14 persone sono indagate, a vario titolo, di concorso in duplice omicidio, sei tentati omicidi e porto illegale di armi da fuoco in luogo pubblico

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank
blank
blank