blank

Capo d’Orlando – “Un contenitore culturale” all’ex scalo merci, la proposta delle associazioni

Un contenitore culturale all’ex scalo merci. E’ questa la proposta che le Associazioni orlandine avanzano verso la destinazione d’uso del magazzino, ex scalo merci, per la cui ristrutturazione lunedì scorso sono stati consegnati i lavori all’impresa aggiudicataria.
Nell’incontro avuto a margine della consegna dei lavori con il Sindaco, con il Responsabile del Procedimento e con la Direzione Lavori, le associazioni orlandine hanno rappresentato la forte esigenza che viene dal mondo culturale verso la riconversione della struttura in “Contenitore Culturale Polivalente”.

D’altronte analoghe strutture dismesse in varie Stazioni d’Italia, sono state già riconvertite in Centri Culturali con il coinvolgimento di tanti cittadini. L’ex scalo merci la cui costruzione, assieme alla Stazione Ferroviaria, risale al 1895 ha rappresentato, favorendo gli intensissimi scambi commerciali dei prodotti autoctoni verso il nord Italia e l’Europa, quel polo economico attorno al quale si formò nel giugno 1925 il Comune di Capo d’Orlando.

Una forte identità culturale quindi per Capo d’Orlando, che deve avere oggi la giusta collocazione nella società orlandina. Le associazioni hanno avviato una riflessione al loro interno, con una fitta serie di incontri su piattaforme web supportati dal Centro Servizi per il Volontariato di Messina, dalla quale è emerso che quel manufatto, con quella forte identità, meritasse oggi una ben diversa destinazione, che continuasse insomma a favorire scambi, non più di merci ma di idee, non più contrattazioni economiche ma confronto di esperienze.

L’attuale destinazione ad “uffici”, prevede la realizzazione di un solaio di interpiano che nasconderebbe la bellissima orditura lignea del tetto; già solo questo sarebbe un vero peccato. In questo ragionamento si evidenzia la mancanza a Capo d’Orlando di strutture adatte ad accogliere le tantissime e variegate attività ludiche – culturali e sociali, da cui si deduce la necessità di recepire al più presto spazi di questo tipo.

Da queste considerazioni è nata spontanea questa proposta sulla quale, già a partire dal 2018, è stato aperto un confronto con l’Amministrazione Comunale e che oggi, con l’inizio dei lavori, rende necessaria ed improrogabile una scelta chiara e definitiva.

Un contenitore destinato a diventare il fulcro della vita associativa della città, uno spazio nel quale poter offrire una proposta culturale variegata e qualificata.

Il “Centro Culturale TEATRO ALLO SCALO” costituirà per le associazioni orlandine occasione per elaborare progetti ed attività comuni, per i giovani rappresenterà uno spazio di aggregazione nel quale dare corpo a nuove idee, e per tutti i cittadini sarà l’opportunità di rendersi partecipi ad attività laboratoriali passando dalla condizione passiva di spettatori a quella attiva di protagonisti.

L’Amministrazione Comunale, il R.UP. e la Direzione Lavori hanno manifestato interesse verso la proposta avanzata dalle Associazioni e si sono dichiarati disponibili ad esaminarla e a valutarne l’effettiva realizzazione. Il “Centro Culturale TEATRO ALLO SCALO” rappresenterà una straordinaria occasione di rilancio sociale e culturale per Capo d’Orlando, un’idea forte, funzionale, innovativa e non onerosa per il Comune.

Un’occasione, infine, per uscire finalmente dalle nostre case e riappropriarci del piacere dei rapporti sociali all’indomani di questo terribile periodo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp