Due casi di sospetta variante Covid a Castell’Umberto, scuole chiuse in attesa di riscontri

Vincenzo Lionetto Civa

A Castell’Umberto, al momento, sono 9 gli attuali positivi al tampone molecolare (2 in meno rispetto all’ultimo aggiornamento, e 27 persone in isolamento precauzionale, 16 in più rispetto ai dati di qualche giorno fa.

“Restano ancora positivi i due casi di sospetta variante – ha detto il sindaco, Vincenzo Lionetto Civa –, ma non abbiamo avuto ancora i riscontri che aspettavamo. Non perché il sistema non funziona, ma perché i laboratori si stanno confrontando con una variante che si presenta per la prima volta. Per questo serve del tempo, e io resto in contatto con l’ufficio commissariale dell’emergenza Covid di Messina, che spera di darmi risposte prima possibile”.

Intanto il primo cittadino, con ordinanza n.8, ha prorogato, almeno fino a sabato, la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado del comune umbertino e di tutti gli uffici pubblici.
“Questa ordinanza sindacale – continua il primo cittadino –, sarà in vigore fino a quando non avrò riscontri certi sulla sussistenza o meno della variante Covid. Non posso rischiare che si diffonda ancora il contagio tra i miei concittadini”

“Nel nostro paese c’è un focolaio dinamico – continua il primo cittadino –, nel senso che ci sono alcune persone che si negativizzano e nuovi soggetti positivi. Voglio congratularmi per l’organizzazione, che per quanto riguarda Castell’Umberto è stata perfetta, probabilmente perché siamo maggiormente attenzionati, rispetto agli altri comuni, per via di questa sospetta variante. Ma noi riusciamo ad avere l’esito dei tamponi molecolari appena 24 ore dopo l’effettuazione del test”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp