blank

Acquedolci, arrestato il mandante dell’omicidio di Francesco Costanza

Nella serata di ieri la Squadra Mobile della Questura di Messina, sezione di contrasto alla criminalità organizzata e “Catturandi”, ha dato esecuzione all’ordinanza applicativa della misura della custodia cautelare in carcere – richiesta dalla Procura della Repubblica Direzione Distrettuale Antimafia di Messina – a carico di Domenico Virga, 57 anni.

E’ considerato elemento di spicco dell’organizzazione di tipo mafioso denominata “cosa nostra” e, segnatamente, del mandamento di San Mauro Castelverde-Gangi, in quanto ritenuto responsabile – quale mandante – dell’omicidio di Francesco Costanza, commesso nella strada tra San Fratello ed Acquedolci nel settembre 2001. Alle ore 7.30 circa del 29 Settembre 2001, in un terreno di contrada Cartolari di Acquedolci fu rinvenuto il cadavere di Costanza inteso “Franco”, tusano, 67 anni. Fu colpito da colpi di arma da fuoco esplosi con una pistola calibro 7,65 e successivamente finito con alcuni colpi di pietra al capo.

La vittima, gravitante negli ambienti della criminalità organizzata di Mistretta, era già stato oggetto di molteplici azioni investigative della Direzione Distrettuale Antimafia messinese.  Le indagini, pur confermando l’inserimento del Costanza nel contesto malavitoso delle famiglie operanti al confine tra le province di Messina e Palermo, non avevano portato all’identificazione di mandanti ed esecutori. A dare un contributo rilevante alle indagini sono state le recentissime dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Carmelo Barbagiovanni inteso “U muzzuni”, attualmente detenuto, esponente della famiglia mafiosa “dei batanesi”, riconducibile a “cosa nostra” ed operante principalmente sull’estremo versante tirrenico della provincia di Messina.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank
blank