blank

Coronavirus – Oggi in Sicilia 1.945 nuovi casi, di cui 327 nel messinese. 39 le vittime

Nel giorno in cui alla Sicilia viene affibbiato l’alto livello di rischio, con la decisione del Ministro della Salute Speranza di inserirla in zona rossa a partire da domenica, l’isola fa registrare 1.945 nuovi casi di Covid-19.

A partire da oggi, 15 gennaio, nel bollettino del Ministero della Salute vengono conteggiati anche i test antigenici rapidi di ultima generazione (oggi 13.478), quindi il numero dei tamponi eseguiti schizza a 24.005 oggi, più del doppio rispetto al solito. Decisione che abbassa l’incidenza all’8% (tenendo conto del totale dei tamponi).
Se si prendono in considerazione solo i tamponi molecolari, ossia 10.527, il tasso di incidenza schizza al 18,5%.

Dei 45.045 attuali positivi (180 in più rispetto a ieri), 1.613 sono ricoverati in ospedale (11 in più rispetto a ieri), di cui 210 in terapia intensiva (5 in più di ieri, ma con 18 ingressi del giorno).

Ed i numeri continuano a creare allarme nell’isola, dove oggi si contano altre 39 vittime del Covid ed il totale dei deceduti a causa della pandemia sale così a 2.916. I guariti nelle ultime 24 ore, invece, sono stati 1.726.

blank

Per quanto riguarda la suddivisione nelle zone dell’isola, le province con più casi sono ancora Palermo e Catania, rispettivamente con 519 e 456. Seguono a ruota la provincia di Messina, in cui si contano 327 nuovi contagiati, e Trapani con 312. In tripla cifra anche Siracusa con 185 casi. A Caltanissetta si contano 87 contagi del giorno, 38 ad Agrigento, 29 a Ragusa ed 1, infine, ad Enna.

IN ITALIA
Nel resto della nazione invece lieve calo nel numero dei contagi del giorno: sono 16.146 (ieri erano 17.246), ma ovviamente con un boom di tamponi rispetto al giorno precedente, ben 273.506 (contando anche i test rapidi), contro i 160mila di ieri. Numeri che abbattono il tasso di positività, che ieri sfiorava era al 10,7%, oggi invece sfiora il 6%. In calo invece le vittime del Covid-19. Ieri erano 522, oggi sono 477 i deceduti nella nostra nazione.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank
blank