blank

Patti, si è aperta l’udienza preliminare per la morte del santagatese Giuseppe Mondello

Si è aperta oggi, al Tribunale di Patti l’udienza preliminare del procedimento a carico del giovane santagatese, accusato della morte del 44enne Giuseppe Mondello, avvenuta il 16 luglio del 2019, dopo un grave incidente stradale sul lungomare santagatese, di fronte ad un noto ristorante.

Per il ragazzo, che all’epoca dei fatti aveva appena 19 anni, e che fu immediatamente fermato dai carabinieri della compagnia di Sant’Agata Militello, il pubblico ministero Alessandro Lia ha chiesto il rinvio a giudizio con l’accusa di omicidio stradale. Secondo il capo di imputazione il mezzo condotto dal giovane, superava i limiti di velocità imposti dalla legge, circostanza aggravante, nel momento in cui travolse il Mondello, che stava attraversando le strisce pedonali, mentre conduceva a mano la sua bicicletta. Il giovane è difeso dall’avvocato Santino Trovato.

All’udienza di questa mattina, otto familiari di Giuseppe Mondello, di cui sette assistiti dall’avvocato Rosario Di Blasi ed uno dall’avvocato Alberto Ferraù, si sono costituiti parte civile. I legali della famiglia Mondello hanno avanzato anche istanza di citazione in giudizio dei responsabili civili.

Intanto il gup del Tribunale di Patti, Eugenio Aliquò ha ammesso le costituzioni di parte civile e ha rinviato il proseguo dell’udienza al prossimo 1 aprile 2021.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank
blank