Terme Vigliatore

Terme Vigliatore, progetti di utilità collettiva e cantieri di lavoro

Sono quattro i progetti di utilità collettiva, redatti dal comune di Terme Vigliatore, in cui saranno impegnati settantuno beneficiari del reddito di cittadinanza.

Ognuno di loro è tenuto ad un impegno di almeno otto ore settimanali e fino ad un massimo di sedici ore, per realizzare i patti per il lavoro e per l’inclusione sociale. Questi gli ambiti dei quattro progetti, approvati dall’esecutivo nel dicembre dello scorso anno, a poche ore dal momento in cui il consiglio comunale, a maggioranza, deliberò la mozione di sfiducia al sindaco Domenico Munafò. Con il primo – “formativo e tutela dei beni comuni” – assicureranno il supporto ai dipendenti comunali in servizio per la gestione e conservazione dei documenti degli archivi correnti e di deposito. Con il secondo – “Un Occhio Vigile – saranno in ausilio alla polizia municipale nella vigilanza e controllo all’entrata e uscita da scuola degli alunni, il terzo “ambiente”- si riferisce ad attività di manutenzione delle aree verdi comunali, i parchi, le piazze, le aiuole e le ville ed infine il quarto – “Terme Vigliatore Pulita” – per sviluppare il senso civico dei cittadini, partecipando alla cura della città con la pulizia delle strade e delle aree pubbliche. Sono state impegnate oltre 9 mila euro.

Due sono invece i cantieri regionali di lavoro che si riferiscono ai lavori di riqualificazione e ripristino in contrada Franchini Superiore e poi ai lavori di riqualificazione e miglioramento della via Pescatori Acquitta e della via Mare nella frazione Acquitta. E’ stato previsto complessivamente l’impegno di trenta lavoratori per un importo totale di oltre 144 mila euro; 75 mila euro riguardano il primo progetto per cinquantacinque giornate, per il secondo sono state previste 69 mila euro per quarantadue giornate.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank
blank